Prezzo petrolio in salita, il Kuwait taglierà la produzione più del previsto

Prezzo petrolio in salita, il Kuwait taglierà la produzione più del previsto
© Shutterstock

Il Kuwait è il quinto maggiore produttore dell'OPEC. La forza del dollaro potrebbe frenare l'aumento della quotazione del greggio nel breve termine.

CONDIVIDI

Il prezzo del petrolio sale questa mattina sulla notizia che il Kuwait taglierà la produzione più del previsto. Il future sul Brent con scadenza febbraio guadagna all’ICE lo 0,4% a 54,26 dollari al barile. Il future sul WTI con scadenza gennaio sale al Globex dello 0,6% a 51,20 dollari.

Secondo quanto riportano diverse fonti la Kuwait Petroleum Corporation (KPC) avrebbe detto ai suoi clienti che ridurrà le sue forniture a partire da gennaio più di quanto originariamente atteso. Il Kuwait è il quinto maggiore produttore dell’OPEC. In base all’ultimo report del cartello, la produzione dell’emirato si è attestata a novembre a 2,78 milioni di barili al giorno, in calo di 51.300 barili al giorno ovvero dell’1,8% rispetto ad ottobre.

I membri dell’OPEC hanno raggiunto a fine novembre un accordo per tagliare la produzione di 1,2 milioni di barili al giorno a partire dal 1 gennaio. Successivamente i Paesi non OPEC hanno aderito al piano impegnandosi a ridurre le loro forniture di 558.000 barili al giorno. La somma totale rappresenta circa il 2% dell’offerta globale di greggio.

L’AIE, l'Agenzia Internazionale per l'Energia, si attende che se i tagli saranno implementati il mercato petrolifero mondiale sarà in deficit nel primo semestre del prossimo anno. La stessa OPEC è più prudente e prevede che la domanda supererà l’offerta entro la seconda metà del 2017.

Alcuni analisti stimano che il calo dell’offerta potrebbe spingere il prossimo anno i prezzi nella fascia tra 60 e 70 dollari al barile e possibilmente a 80 dollari al barile entro il 2018.

Tuttavia la forza del dollaro è attualmente un importante freno alla tendenza rialzista delle quotazioni dell’oro nero. Il biglietto verde si è apprezzato significativamente dopo che la Fed ha segnalato mercoledì che potrebbe alzare i tassi ad un ritmo più veloce del previsto. Un dollaro più forte è un fattore negativo per il petrolio perché lo rende più caro per chi possiede altre divise. Apri un conto demo GRATUITO e illimitato su IQOption

Bank of America Merrill Lynch ha inoltre avvertito in una nota che quando i tassi negli USA salgono, la domanda nei Paesi emergenti, un motore della crescita del consumo globale, tende a scendere. Il calo dell’offerta non potrebbe quindi bastare per far riequilibrare il mercato.

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption