Borsainside.com

Il prezzo del petrolio inizia il 2017 in progresso: Kuwait taglia produzione

Il prezzo del petrolio inizia il 2017 in progresso: Kuwait taglia produzione

Dal 1 gennaio sono entrati in vigore gli accordi dei Paesi OPEC e non OPEC. La quotazione del Brent torna sopra 57 dollari al barile.

Il prezzo del petrolio ha iniziato il 2017 in progresso. Il mercato ha reagito positivamente alla notizia dei primi tagli alla produzione nel Kuwait, un importante membro dell’OPEC.




✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

Dopo aver chiuso il 2016 a 56,63 dollari al barile, il future sul Brent con scadenza marzo sale attualmente dello 0,6% a 57,14 dollari al barile. Il future sul WTI con scadenza febbraio quota a 54,01 dollari al barile, in rialzo dello 0,5% rispetto ai 53,72 dollari al barile di venerdì. Ieri i contratti a termine non erano stati negoziati a causa della chiusura delle borse di Londra e New York.

Jamal Jaafer, il CEO della compagnia petrolifera Kuwait Oil Company (KOC), ha dichiarato che la produzione dell’Emirato è stata ridotta di 130.000 barili a circa 2,75 milioni di barili al giorno. Lo riporta il quotidiano “Al-Anba”.

L’OPEC ha raggiunto alla fine di novembre un accordo per fissare un tetto alla sua offerta a partire dal 1 gennaio di quest’anno. Successivamente anche i Paesi che non fanno parte del cartello, guidati dalla Russia, si sono impegnati a tagliare la loro attività produttiva. Se i patti saranno rispettati la produzione di greggio a livello globale scenderà nel primo semestre di quasi 1,8 milioni di barili al giorno.

Molti analisti si attendono che questa volta i produttori saranno più inclini che in passato ad implementare i tagli. Goldman Sachs, per esempio, prevede che l'accordo tra l’OPEC ed i Paesi non OPEC sarà implementato all'84%.

L’AIE, l'Agenzia Internazionale per l'Energia, stima che se i tagli saranno realizzati al 100%, il mercato petrolifero globale registrerà nei primi sei mesi del 2017 un deficit di circa 600.000 barili al giorno.

IQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS