Quotazione oro in ripresa, ma Societe Generale è pessimista per il 2017

Quotazione oro in ripresa, ma Societe Generale è pessimista per il 2017
© Shutterstock

Aumenta la domanda per il bene rifugio per eccellenza dopo le contestate misure di Trump contro l'immigrazione.

CONDIVIDI

Dopo quattro sedute negative di fila la quotazione dell’oro ha registrato oggi una ripresa. Il future sul metallo giallo con scadenza aprile ha chiuso al Comex in rialzo dello 0,4% a 1.196 dollari l’oncia.

L’oro ha beneficiato oggi della sua qualità di bene rifugio. La tendenza al rischio è scesa sui mercati dopo che Donald Trump ha deciso di vietare l'ingresso negli Stati Uniti ai cittadini di sette Paesi a maggioranza musulmana e di imporre severi limiti all'accesso dei rifugiati. La misura ha suscitato indignazione nel mondo ed è stata criticata da molti governi.

A sostenere l’oro sono stati inoltre i timori legati all’incremento delle pressioni inflazionistiche. Il PCE (Personal Consumption Expenditure), uno degli indicatori più seguiti dalla Federal Reserve per monitorare l'inflazione, è aumento a dicembre negli Stati Uniti dell’1,6%. Si è trattato del più forte aumento dal settembre del 2014. L’oro è considerato uno dei principali strumenti di copertura dell'inflazione e sale di norma nei periodi in cui i prezzi al consumo tendono verso l’alto.

Nonostante il prezzo dell’oro abbia registrato dall’inizio dell’anno un’ottima performance, Societe Generale è pessimista sulle sue ulteriori prospettive. In una nota pubblicata venerdì, la banca d’affari francese ha tagliato le sue stime sul prezzo medio del metallo prezioso nel 2017 da 1.275 a 1.150 dollari l’oncia.

Societe Generale osserva che l’oro si è apprezzato finora a gennaio del 4,2%, superando nettamente la sua performance media per il mese degli ultimi quindici anni. “Nonostante il prezzo dell’oro potrebbe continuare a beneficiare di tanto in tanto dell’incertezza causata dalla presidenza di Donald Trump, della Brexit e delle elezioni in alcuni Paesi europei, è troppo presto per i mercati di rinunciare alla scommessa di uno scenario di reflazione dovuto alla Trumponomics”.

Secondo Societe Generale, inoltre, il rally di gennaio starebbe “perdendo slancio” e per un rimbalzo più sostenuto “dovremo attendere fino alla fine di quest’anno”. Apri un conto demo GRATUITO e illimitato su IQOption

Gli analisti si attendono che a frenare il prezzo dell’oro saranno un più aggressivo rialzo dei tassi da parte della Fed, la forza del dollaro la contenuta domanda fisica da parte dei mercati emergenti e delle banche centrali.

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption