Borsainside.com

Quotazione dollaro scende ai minimi da 12 settimane. Ecco perché

Quotazione dollaro scende ai minimi da 12 settimane. Ecco perché

La Fed prende tempo. Pesano ancora le politiche di Donald Trump. L'Euro sale ai massimi da 8 settimane. Scende la sterlina.

La quotazione del dollaro continua ad indebolirsi. Il Dollar Index, l’indice che misura il valore del biglietto verde in relazione al paniere delle altre principali valute, è sceso oggi fino a 99,23 punti, dai 99,75 punti della chiusura di ieri. Si tratta del più basso livello da 12 settimane.

🥇Fai trading con fiducia su CFD, Azioni, Indici, Forex e Criptovalute. Con PLUS500 hai spread stretti, zero commissioni e APP per fare trading su qualsiasi piattaforma e smartphone. ✅ Apri il tuo conto demo gratuito >>

🥇Fai trading con fiducia su CFD, Azioni, Indici, Forex e Criptovalute. Con PLUS500 hai spread stretti, zero commissioni e APP per fare trading su qualsiasi piattaforma e smartphone. ✅ Apri il tuo conto demo gratuito >>

La Fed ha deluso gli investitori non fornendo ieri chiari indizi sulle sue prossime mosse. L’istituto guidato da Janet Yellen ha solo ribadito che la crescita economica prosegue ad un ritmo moderato e che la stretta monetaria sarà graduale. Il mercato si era atteso un tono più da “falco”, con una possibile indicazione su un rialzo dei tassi a marzo. Sul dollaro continuano inoltre a pesare le politiche protezionistiche di Donald Trump.

Il dollaro scende al momento rispetto allo yen dello 0,7% a 112,40. La valuta giapponese, considerata un “porto sicuro”, beneficia dei timori legati alle tensioni a livello geopolitico. La nuova amministrazione statunitense ha criticato aspramente il test missilistico effettuato dall’Iran lo scorso 29 gennaio, inviando “un avvertimento ufficiale” a Teheran.

Il cambio euro-dollaro è salito fino a 1,0819, ovvero ai massimi da 8 settimane. A sostenere la moneta unica sono i crescenti segnali di un incremento delle pressioni inflazionistiche nell’Eurozona. L’Eurostat ha comunicato oggi che i prezzi alla produzione sono aumentati a dicembre su anno dell’1,6%. Si è trattato del più forte aumento dal gennaio del 2013.

Dopo aver superato temporaneamente quota 1,27 dollari, la sterlina perde al momento lo 0,6% a 1,2580 dollari. La Bank of England ha mantenuto oggi il suo tono neutrale mentre il forex si era atteso un’indicazione su un rialzo dei tassi nel corso del 2017.

IQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS