USA, più forte aumento dei prezzi alla produzione dal 2012

Il Dipartimento del Lavoro ha comunicato oggi che l’indice dei prezzi alla produzione (Producer Price Index) è salito a gennaio dello 0,6%. Si è trattato del più forte aumento dal settembre del 2012. Gli economisti avevano previsto un aumento dello 0,3%.

Il dato di dicembre è stato rivisto al ribasso, da +0,3% a +0,2%.

Su base annua il PPI è aumentato, come nel mese precedente, dell’1,6%.

Il PPI core, l’indice depurato dalle più volatili variazioni dei prezzi di cibo ed energia, è aumentato lo scorso mese dello 0,4%. Gli esperti avevano previsto un aumento dello 0,2%. Il dato del mese precedente è stato rivisto da +0,2% a +0,1%.

Su base annua il PPI core è aumentato dell’1,2%, dopo il +1,6% registrato a dicembre.

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Migliori Broker Trading

Deposito minimo 50$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100€
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Le ultime news su Borsa Americana Oggi in Tempo Reale - Wall Street

Copia dai migliori traders

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.