Skin ADV

Fiducia consumatori USA in buon aumento

stati uniti

Positivo sviluppo per l'indice sulla fiducia dei consumatori USA.

Come atteso, è stato pubblicato l’aggiornamento relativo all’andamento della fiducia dei consumatori rilevata dal Conference Board. Il dato nel mese di marzo sale a quota 125,6 punti contro precedenti 116,1 punti (il dato preliminare era di 114,8 punti), arrivando così al massimo livello da dicembre 2000. In forte rialzo anche l’indice delle condizioni correnti (a 143,1 punti contro dato precedente pari a 134,4 punti) e quello delle aspettative (a 113,8 punti contro precedenti 103,9 punti).

🥇Fai trading con fiducia su CFD, Azioni, Indici, Forex e Criptovalute. Con PLUS500 hai spread stretti, zero commissioni e APP per fare trading su qualsiasi piattaforma e smartphone. ✅ Apri il tuo conto demo gratuito >>

🥇Fai trading con fiducia su CFD, Azioni, Indici, Forex e Criptovalute. Con PLUS500 hai spread stretti, zero commissioni e APP per fare trading su qualsiasi piattaforma e smartphone. ✅ Apri il tuo conto demo gratuito >>

Per quanto concerne le determinanti di un simile miglioramento dello scenario, a supportare la nuova iews è soprattutto la valutazione del mercato del lavoro: il differenziale jobs plentiful - jobs hard to get è infatti salito a quota 12,2 punti dal precedente dato di 7 punti, toccando così il massimo da agosto 2001 ad oggi. Le aspettative di inflazione a 1 anno calano a 4,6 per cento da 4,8 per cento e forniscono un segnale analogo a quello visto con l’indagine dell’Univeristy of Michigan.

Ulteriormente, sembra che il significativo rialzo della fiducia a marzo sia ben in linea con il trend del primo trimestre dell’anno, con indagini che forniscono rilievi sempre più positivi, costanti sorprese verso l’alto, e dati di attività più moderati e coerenti con il proseguimento di una crescita mediamente intorno al 2 per cento.

Infine, dossier ISP sottolinea come le informazioni relative alle componenti del PIL del primo quarto dell’anno abbiano segnalato una variazione modesta a inizio anno seguita da una probabile riaccelerazione, che comunque dovrebbe mantenere invariata la crescita media intorno al 2 per cento. A questo punto se, come peraltro appare probabile agli occhi dei principali analisti, l’ampio stimolo fiscale promesso da Trump tarderà ad arrivare (dopo l’estate?( e sarà contenuto dalla necessità di forgiare compromessi e moderare l’impatto sul deficit, le aspettative dovranno riallinearsi con la realtà dei dati nella parte centrale dell’anno.

IQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS