Petrolio, chiusura scorsa settimana in positivo: quanto durerà il trend?

Il petrolio ha chiuso la scorsa settimana rialzando la testa dopo i momenti di difficoltà che aveva anticipatamente attraversato. Alla chiusura della scorsa settimana di negoziazioni il Wti quotava sopra quota 46 dollari, mentre nelle ore precedenti era arrivato a superare (al ribasso) quota 45 dollari, ai minimi dallo scorso novembre, mentre il Brent è sceso sui 47 dollari, per poi rimbalzare sui 49 dollari.

I movimenti del petrolio che stiamo osservando in questi giorni sono per lo più figli del già annunciato clima di attesa legato alla possibilità che i tagli OPEC possano essere prolungati ancora fino alla fine del 2017, e dunque per almeno un altro semestre, dando una mano di aiuto nel tentativo di riequilibrare il prezzo del greggio, pressato – lo scorso anno – da una produzione eccessiva.

I passi in avanti in tal senso sembrano essere piuttosto fiduciosi, e l’Arabia Saudita si è fatta sostanziale portavoce della necessità di rompere gli indugi e andare a favorire un allungamento degli accordi, nella speranza che possano essere rispettati da tutti i partecipanti, e che possano magari essere allargati anche ai Paesi non OPEC, Russia in primis.

Certo, a margine di questo non può che esserci il grande dilemma rappresentato dalla posizione statunitense. Gli USA, non appena si sono resi conto che il prezzo del greggio stava nuovamente tornando su livelli di appetibilità, hanno ripreso con vigore le loro attività di trivellazione, spingendo su livelli molto sostenuti le attività shale oil, e andando così a compensare i buoni sforzi compiuti in sede OPEC.

Di qui, il grande dubbio futuro: riuscirà l’OPEC ad approvare un nuovo allungamento dei tagli alla produzione? E, ulteriormente, riuscirà a farlo rispettare a tutti i suoi membri, conferendo nuova credibilità al Cartello? Riuscirà a estenderlo anche ad alcuni dei principali Paesi non OPEC? E tale mossa potrà assumere maggiore forza rispetto al peso dello shale oil americano?

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Borsa Americana

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.