Skin ADV

Meeting OPEC, cresce l’attesa per il futuro del greggio

opec

Salgono le aspettative per il meeting OPEC della settimana.

Continua a farsi sempre più evidente l’attesa per il meeting OPEC in previsione per il prossimo 25 maggio 2017, e che potrebbe costituire il driver fondamentale per poter modificare le quotazioni tendenziali del greggio. Gli analisti continuano a confermare un approccio di cauto ottimismo – soprattutto, dopo le ultime dichiarazioni di Arabia Saudita e di Russia, che avrebbero raggiunto un accordo per poter allungare il taglio della produzione del greggio fino a marzo 2018, innescando così il recupero dei prezzi – ma è comunque opportuno procedere con attenzione e circospezione al fine di non subire ripercussioni turbolente da qualche ostacolo programmatico.

🥇Fai trading con fiducia su CFD, Azioni, Indici, Forex e Criptovalute. Con PLUS500 hai spread stretti, zero commissioni e APP per fare trading su qualsiasi piattaforma e smartphone. ✅ Apri il tuo conto demo gratuito >>

🥇Fai trading con fiducia su CFD, Azioni, Indici, Forex e Criptovalute. Con PLUS500 hai spread stretti, zero commissioni e APP per fare trading su qualsiasi piattaforma e smartphone. ✅ Apri il tuo conto demo gratuito >>

Ricordiamo comunque che le scelte dell’OPEC e della Russia, relative all'ultima riunione di fine 2016 (-1,8 milioni di barili al giorno di riduzione stimata), erano state in grado di trascinare il prezzo del Brent a un rialzo del 30 per cento, prima che il forte sell-off di marzo, a causa del prepotente ritorno dei produttori di shale-oil statunitensi, innescasse i dubbi sul prolungamento e sulla efficacia dei tagli.

Sulla scia di quanto sopra appare pertanto evidente come un meeting dagli esiti positivi, con un prolungamento degli attuali tagli di 1,8 milioni di barili al giorno, possa essere in grado di spingere ulteriormente al rialzo le quotazioni del greggio, o per lo meno stabilizzarle tra i 50 e i 55 dollari al barile.

Un taglio più significativo alle forniture (oltre cioè 1,8 milioni di barili al giorno) potrebbe pur essere stimato, ma dipenderà principalmente dalle forniture di greggio da parte dei non-OPEC e dalle stime sulla produzione futura di shale-oil, con gli USA in testa. Di contro, una decisione debole del Cartello (cioè, meno di 1,8 milioni di barili al giorno) potrebbe vedere il petrolio scendere di nuovo a 40 dollari al barile.

IQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS