Uber: conti in rosso nonostante fatturato in crescita

Il fatturato di Uber continua a crescere ma, nonostante il giro d’affari in aumento, a deludere è sempre l’ultima riga del suo conto economico, che continua a manifestare una perdita netta abbastanza significativa. Quanto basta, evidentemente, per poter far saltarel a testa del responsabile finanziario, Goutam Gupta, che lascia la compagnia (ma, pare, per una nuova avventura nella Silicon Valley) dopo i 708 milioni di dollari di perdita netta maturati nel solo quarto trimestre del 2016. Sempre meno dei 991 milioni di dollari di tre mesi prima, ma evidentemente non è bastato agli occhi degli stakeholders.

La caratteristica del risultato netto negativo di Uber non è una novità: nel corso del 2016 Uber ha infatti perso 2,8 miliardi di dollari, a fronte di un rialzo dei ricavi a 6,5 miliardi di dollari e, dunque, oltre alcuni big della “zona” come Twitter e Snapchat.

Per quanto riguarda l’impatto della perdita, per il momento la difficoltà è più di immagine che finanziaria. Uber può infatti contare ancora su un tesoretto di oltre 7 miliardi di dollari, avanzati dal ciclo di raccolta dagli investitori, che ha maturato 15 miliardi di dollari.

A proposito di immagine, non giova nemmeno l’aver assistito all’emorragia di top manager. Nel corso degli ultimi mesi hanno lasciato i piani alti di Uber più di 10 dirigenti di elevato livello, e Gupta non è dunque nient’altro che l’ultimo di una serie che potrebbe allungarsi ulteriormente, già con l’addio di Anthony Levandowski, uno dei top manager del progetto per lo sviluppo di vetture senza conducente.

In aggiunta al problema del personale dirigenziale, Uber ha dovuto fare i conti con una serie di impatti mediatici piuttosto negativi. L’hashtag “deleteuber” è recentemente andato molto “bene” su Twitter, quando gli utenti hanno iniziato a protestare per il legame della società tra il presidente Trump. In quell’occasione il ceo Travis Kalanick ha dovuto abbandonare il gruppo di consiglieri agli affari economici di Trump.

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Borsa Americana

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.