Fed, Yellen invia lettera di dimissioni

Yellen ha inviato una lettera al presidente dell’amministrazione statunitense Donald Trump, in cui – come era prevedibile – rassegna le proprie dimissioni da membro del Board a partire dal momento in cui Powell, nominato presidente della Fed, si sarà insediato nella sua nuova posizione.

Ricordiamo – ne abbiamo parlato più volte nel corso degli ultimi mesi – che il mandato di Yellen come presidente della Federal Reserve scade a febbraio 2018 e quello di membro del Board arriva fino al 2024. Tuttavia, difficilmente Yellen avrebbe accettato di essere sostituita rimanendo come membro del Board, e le dimissioni sono dunque un gesto facilmente immaginabile, e conseguente.

Si tenga ora conto che la nomina ufficiale di Powell richiede un voto in Senato, che potrebbe venire con l’anno nuovo, dato che l’agenda congressuale al momento è completamente bloccata dal faticoso dibattito sulla riforma tributaria, e che i lavori chiuderanno per l’interruzione natalizia il 15 dicembre.

Abbiamo altresi già rammentato a suo tempo che con le dimissioni di Yellen, sale a 4 il numero di posti vacanti nel Board. Entro breve Trump avrà nominato al Board 5 membri su 7 (Quarles, vice-presidente per la regolamentazione, si è infatti già insediato questo mese).

Rimanendo sempre all’interno del recinto delle banche centrali, segnaliamo che come da attese Draghi è intervenuto a Bruxelles dichiarando che la BCE non ha ancora raggiunto il target di inflazione e che l’estensione dello stimolo monetario decisa a ottobre si rivela essere ancora necessario.

Draghi ha poi aggiunto che l’APP è da intendersi come sufficientemente flessibile, e che dunque potrebbe essere adattato nel prossimo futuro qualora si renda necessario farlo. Ad ogni modo, la

BCE – ha specificato il numero 1 dell’Eurotower – intende attenersi alla regola degli acquisti in base alle quote capitale il più possibile. Draghi ha altresì discusso sull’assicurazione comune dei depositi indicando che questa è legata ad una riduzione dei portafogli di crediti deteriorati.

Draghi si è poi dichiarato favorevole all’introduzione di limiti, temporanei, al ritiro dei depositi nel caso in cui un istituto di credito è soggetto a risoluzione bancaria.

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Borsa Americana

Inizia a fare trade con Avatrade X

Avviso di rischio - Il 78% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.