Prezzo Bitcoin: target trading 25mila dollari nel breve, ma poi rischio ritracciamento shock

Prezzo Bitcoin: target trading 25mila dollari nel breve, ma poi rischio ritracciamento shock
© iStockPhoto

Gli analisti di Swissquote non fanno sconti alla quotazione BTC: è solo l'avidità che spinge il mercato

CONDIVIDI

Il driver che spinge al rialzo il prezzo del Bitcoin e che ha portato la quotazione BTC ad aumentare di 20 volte il suo valore nell'arco di un anno è solo uno e si chiama avidità. Non fanno sconti gli analisti di Swissquote nel tracciare le loro previsioni sull'andamento del prezzo del Bitcoin nei prossimi mesi. Gli esperti ritengono che ci sia ancora spazio per un apprezzamento del BTC ma, anche nel breve termine, è possibile intravedere già i motivi che saranno alla base di un repentino e a questo punto inevitabile ritracciamento. Per ora, come si evince andando a guardare ai grafici relativi all'andamento della quotazione BTC, ci sono state solo momentanee prese di profitto anche esse dovute all'avidità del mercato, ma non c'è stato un vero e proprio cambio di direzione. 

Le previsioni si Swissquote sul prezzo del Bitcoin non aggiungono grandi novità rispetto a quello che tanti traders sospettano da tempo. Il rally del BTC non può essere infinito e se è vero che nel lungo termine si può pensare che la quotazione BItcoin arrivi anche a 100mila dollari, è altrettanto vero che questo traguardo riguarda solo prospettive lunghe mentre nel breve termine le possibilità di un ritracciamento restano elevate. La domanda che sorge spontanea e che gli esperti di Swissquote non evitano è facilmente intuibile: se queste sono le premesse, quando calerà il prezzo del Bitcoin? Per rispondere a questo interrogativo è soprattutto l'analisi tecnica che torna utile. L'analisi fondamentale, infatti, nustrendosi soprattutto di quelle che sono le ultime notizie sui futures sul Bitcoin (ieri è partita la quotazione future BTC sul CME) lascia presagire oggi come non mai una crescita infinita per il prezzo del Bitcoin.

Dal punto di vista dell'analisi tecnica, invece, gli esperti di Swissquote hanno individuato un supporto in area 14mila dollari. Si tratta di un livello al di sotto del quale una eventuale caduta del prezzo del BTC sarebbe poco probabile e, nel caso in cui si verificasse, problematica. Secondo Yann Quelenn, Market Strategist di Swissquote, la quotazione del Bitcoin è impostata al rialzo e molti elementi fanno ritenere che possa esserci una crescita fino a 40mila dollari entro il 2018. Nel breve termine, però, l'apprezzamento del BTC difficillmente potrebbe superare i 25mila dollari. Gli analisti, infatti, ritengono che il Bitcoin prima o poi sarà vittima di un forte ritracciamento questo perchè la criptovaluta "è lungi dall’essere la valuta perfetta" avendo commissioni di transazione molto elevate e al tempo stesso una bassa scalabilità. Per Seissquote, quindi, è vero che il "Bitcoin è costoso" ma è altrettanto vero che esso "è scarso". Gli investitori, quindi, devono conoscere quelle che sono le caratteristiche dell'asset che hanno difronte. Pensare a crescite illimitate è pericoloso come pure ritenere che il Bitcoin sia destinato a crescere sempre perchè è sempre meno probabile che possano esserci ostacoli di autorità alla sua diffusione. 

Le previsioni sulla quotazione BTC elaborate da Swissquote sono importanti perchè indicano dei valori che possno essere utilizzati come punto di riferimento nell'elaborazione di una strategia trading per guadagnare con l'andamento del prezzo del BTC. Logicamente questo obiettivo è più a portata di mano se si preferisce investire sulla quotazione BTC attraverso il trading di CFD. 

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

iqoptions