Barron's: Le grandi banche statunitensi sono sottovalutate

Secondo l'autorevole rivista finanziaria i titoli bancari potrebbero apprezzarsi il prossimo anno di più del 25%.

CONDIVIDI
Le grandi banche statunitensi sono sottovalutate e i loro titoli potrebbero apprezzarsi il prossimo anno di più del 25%. Lo scrive "Barron's" nel suo ultimo numero. L'autorevole rivista finanziaria indica che i timori legati alle nuove norme sulla patrimonializzazione e al rallentamento dell'economia hanno fatto scendere di recente le valutazioni dei titoli bancari. "Barron's" osserva che il rapporto prezzo/utile per il 2012 è ora in media pari a 7 e che le grandi banche degli USA hanno una migliore capitalizzazione della maggior parte delle rivali europee. "Barron's" cita in particolare Bank of America (US0605051046), Citigroup (US1729671016) e Morgan Stanley (US6174464486) che quotano al momento con uno sconto rispetto al loro valore di libro tangibile. "Barron's" crede quindi che per gli investitori pazienti, che abbiano due-tre anni di tempo, i titoli bancari statunitensi siano attualmente molto attrattivi.

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption