Facebook: Le banche sottoscrittrici della IPO hanno giocato sporco

Le banche e la IPO di Facebook: le banche giocano sporco! Lo riporta l'agenzia di stampa "Reuters".

CONDIVIDI

Le banche sottoscrittrici della IPO di Facebook (US30303M1027) hanno giocato sporco. È quanto pensa una parte di Wall Street dopo le ultime voci relative allo sbarco in borsa del più famoso dei social network.

Secondo delle indiscrezioni raccolte da "Reuters" Morgan Stanley, la principale banca sottoscrittrice, avrebbe tagliato durante il roadshow, dopo l'aggiornamento della documentazione per la SEC, le sue stime sui ricavi di Facebook nel secondo trimestre e nell'intero 2012.

Il taglio sarebbe stato comunicato ad alcuni dei principali clienti di Morgan Stanley e avrebbe sorpreso non poco gli investitori. Una fonte citata da "Reuters" indica di non aver mai visto prima una cosa simile in dieci anni.

Anche J.P. Morgan e Goldman Sachs avrebbero rivisto le loro stime su Facebook poco prima del suo debutto in borsa, senza informare il resto del mercato. Nonostante ciò le banche sottoscrittrici avrebbero aumentato quasi contemporaneamente il volume delle azioni offerte al pubblico ed alzato la forchetta di prezzo da $28-$35 a $34-$38 per azione.

Le conseguenze di questo "sporco gioco" le stanno pagando ora gli investitori retail. Dopo il crollo di ieri Facebook perde al momento un ulteriore 6%.

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro