Goldman Sachs: L'oro resta la moneta di ultima istanza

CONDIVIDI
Nonostante le forti perdite di questa settimana l'oro resta la "moneta di ultima istanza". Lo afferma Goldman Sachs. Secondo la banca d'affari, anche se gli investitori hanno mostrato di recente di preferire il dollaro in un contesto di riduzione del rischio, sarebbe troppo presto per il biglietto verde per recuperare pienamente il suo status di porto sicuro. Goldman continua ad attendersi un ulteriore allentamento quantitativo negli USA ed ha confermato perciò il suo target a sei mesi per il prezzo dell'oro a $1.840 all'oncia.

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption