La Commissione Europea avvia due indagini sul mercato dei CDS

Le due indagini riguardano tutte le più importanti banche d'affari di Wall Street.

CONDIVIDI
La Commissione Europea ha avviato due indagini sul mercato dei CDS (Credit Default Swaps). La prima indagine riguarda 16 banche e Markit, il maggiore fornitore di informazioni e dati su questi derivati che assicurano sul rischio di fallimento di un emittente. Tra le banche coinvolte in questa indagine ci sono le statunitensi Bank of America (US0605051046), J.P. Morgan Chase & Co. (US46625H1005), Citigroup (US1729671016), Wells Fargo (US9497461015), Goldman Sachs (US38141G1040) e Morgan Stanley (US6174464486). La Commissione intende verificare se ci sia un abuso di posizione dominante collettiva, le sedici banche in questione negoziano infatti i CDS scambiando dati e informazioni solo con Markit.
La seconda indagine punta a verificare se 9 banche godano di tariffe privilegiate nell'ambito dei loro accordi con ICE Clear Europe, la principale camera di compensazione dei CDS. Ciò potrebbe rappresentare un abuso di posizione dominante da parte delle 9 banche e limitare allo stesso tempo le attività delle altre camere di compensazione sul mercato dei CDS. L'indagine riguarda le statunitensi Bank of America, J.P. Morgan Chase & Co., Citigroup, Goldman Sachs e Morgan Stanley e le europee Barclays (GB0031348658), Deutsche Bank (DE0005140008), Credit Suisse (CH0012138530) e UBS (CH0024899483).

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption