L'AIE ricorre alle scorte strategiche, il prezzo del petrolio va a picco

L'AIE immetterà sul mercato 60 milioni di barili di petrolio.

L'Agenzia Internazionale per l'Energia (abbr. AIE) ha annunciato che immetterà sul mercato 60 milioni di barili di petrolio provenienti dalla riserve strategiche dei paesi membri. La decisione è stata presa per compensare l'interruzione delle forniture dalla Libia e per frenare l'aumento dei prezzi. A partire dal prossimo mese l'AIE rilascerà 2 milioni di barili al giorno per 30 giorni consecutivi. L'AIE ha indicato di essere pronta a intervenire ulteriormente visto che gli elevati prezzi del greggio minacciano l'economia di tutti i paesi. È la terza volta nella storia che l'AIE ricorre alle riserve strategiche per alleviare la pressione sul mercato del petrolio. In precedenza l'AIE aveva preso una tale misura nel 1991 durante la Guerra del Golfo e nel 2005 dopo i gravi danni causati dall'uragano Katrina. In seguito alla notizia il prezzo del petrolio ha accelerato al ribasso. A New York il future sul WTI è sceso temporaneamente al di sotto di $90 al barile.
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

BDSWISS