L'AIE taglia le stime sulla crescita della domanda di petrolio

L'AIE prevede ora per quest'anno una crescita di 1 milione di barili al giorno e per il prossimo di 1,2 milioni di barili al giorno.

L'Agenzia Internazionale per l'Energia (abbr. AIE) è diventata più prudente sulla domanda di petrolio a causa dell'indebolimento dell'economia globale. L'organizzazione con sede a Parigi avverte però nel suo ultimo rapporto che potrebbe passare un po' di tempo prima che i prezzi del greggio calino visto che i problemi di fornitura dovrebbero persistere nonostante la ripresa della produzione in Libia. L'AIE ha rivisto al ribasso le sue stime sulla crescita della domanda nel 2011 di 0,2 milioni di barili al giorno a 1 milione di barili al giorno e nel 2012 di 0,4 milioni di barili a 1,2 milioni di barili al giorno. La domanda dovrebbe in questo modo raggiungere quest'anno 89,3 milioni di barili al giorno ed il prossimo 90,7 milioni di barili al giorno. Ieri già l'OPEC aveva ridotto le sue stime sulla domanda di petrolio.




✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS