USA: La Fed taglia stime PIL, alza quelle su disoccupazione ed inflazione

La Banca Centrale degli USA prevede ora per quest'anno un aumento del PIL dell'1,6% - 1,7%.

CONDIVIDI
La Federal Reserve ha rivisto nettamente al ribasso le sue stime sulla crescita dell'economia statunitense. La Banca Centrale degli USA prevede ora per il 2011 un aumento del PIL dell'1,6% - 1,7% (da 2,7% - 2,9%), per il 2012 del 2,5% - 2,9% (da 3,3% - 3,7%) e per il 2013 del 3,0% - 3,5% (da 3,5% - 4,2%). Per il 2014 la Fed si attende una crescita tra il 3,0% e il 3,9%. La Fed è diventata più pessimista sulle prospettive del mercato del lavoro. Per il 2011 la Fed prevede un tasso di disoccupazione del 9% - 9,1% (da 8,6% - 8,9%), per il 2012 dell'8,5% - 8,7% (da 7,8% - 8,2%) e per il 2013 del 7,8% - 8,2% (da 7,0% - 7,5%). Per il 2014 il tasso di disoccupazione è atteso tra il 6,8% e il 7,7%. Per quanto riguarda l'inflazione la Fed prevede per il 2011 un aumento del 2,7% - 2,9% (da 2,3% - 2,5%), per il 2012 dell'1,4% - 2,0% (da 1,5% - 2,0%) e per il 2013 dell'1,5% - 2,0% (da 1,5% - 2,0%). Per il 2014 l'inflazione è attesa all'1,5% - 2,0%.
logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro