USA: L'economia rallenta più delle attese, sale l'inflazione

Il PIL statunitense è cresciuto nel primo trimestre del 2,2% contro il +3% del trimestre precedente.

CONDIVIDI
Il Dipartimento del Commercio ha appena comunicato che in base alla sua stima preliminae il PIL degli USA è cresciuto nel primo trimestre del 2012 del 2,8%. Gli economisti avevano previsto in media una crescita del 2,5%. Nel quarto trimestre del 2011 il PIL statunitense era cresciuto del 3%. Il rallentamento della crescita dell'economia statunitense nei primi tre mesi di quest'anno è stato causato soprattutto dal calo delle spese da parte del settore pubblico e dai minori investimenti delle imprese nelle scorte di magazzino. Le spese per consumi sono aumentate del 2,9%. Si è trattato del più forte aumento dal quarto trimestre del 2010. Gli esperti avevano previsto un aumento del 2,3%. Il PCE core, l'indicatore più seguito dalla Federal Reserve per monitorare l'inflazione, è aumentato del 2,1% contro il +1,3% del quarto trimestre 2011. La banca centrale statunitense tollera, non ufficialmente, una crescita dell'inflazione su base annua tra l'1% ed il 2%.

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption