Wall Street sale dopo la Fed, volano General Electric ed Intel

Un laptop mostra un grafico

I principali indici azionari statunitensi hanno chiuso oggi in rialzo. Il Dow Jones ha guadagnato lo 0,4%, l’S&P 500 lo 0,8% e il Nasdaq Composite lo 0,7%. Per il Dow Jones si è trattato della sesta seduta positiva di fila.
La Fed ha lasciato i suoi tassi invariati in un range compreso tra lo 0,00% e lo 0,25%. Nella consueta nota che accompagna la sua decisione la Banca Centrale degli USA ha ribadito che i tassi resteranno a dei livelli eccezionalmente bassi per un esteso periodo di tempo. Il mantenimento dello status quo è stato accolto positivamente dagli investitori. Una parte del mercato aveva temuto che la Fed potesse dare delle prime indicazioni relative ad una politica monetaria più restrittiva. Wall Street ha beneficiato oggi inoltre della decisione di Standard & Poor’s di rimuovere il CreditWatch posto sul rating della Grecia (per ulteriori dettagli clicca qui). La notizia ha indebolito fortemente il dollaro rispetto all’euro, sulle materie prime è scattata di conseguenza una pioggia d’acquisti.
Intel (US4581401001) ha guadagnato il 4%. Il colosso dell’high-tech ha presentato oggi lo Xeon 5600, il suo primo chip per server basato sulla tecnologia di processo a 32 nanometri. Sul mercato è circolata inoltre la voce che Intel abbia l’intenzione di alzare le sue stime per il corrente trimestre.
General Electric (US3696041033) ha chiuso in rialzo del 4,5%. Il Direttore Finanziario Keith Sherin ha espresso oggi ottimismo sulle prospettive del conglomerato (per ulteriori dettagli clicca qui).
Tra i minerari Alcoa (US0138171014) ha guadagnato il 2,2%, Barrick Gold (CA0679011084) il 2,8%, Freeport McMoRan (US35671D8570) l’1,9% e Coeur d’Alene (US1921081089) il 3,1%. Il prezzo dell’oro ha guadagnato oggi a New York l’1,5%, quello dell’argento l’1,4% e quello del rame l’1,9%.
Tra i petroliferi Exxon Mobil (US30231G1022) ha guadagnato lo 0,4%, ConocoPhillips (US20825C1045) l’1% e Chevron (US1667641005) lo 0,6%. Il prezzo del petrolio ha chiuso oggi al NYMEX in rialzo del 2,3%.
Boeing (US0970231058) ha perso l’1%. Air Berlin (GB00B128C026) ha ridotto il volume della sua commessa per gli aerei 787 Dreamliner di Boeing di circa $1,7 miliardi.
Nel settore edile Lennar (US5260571048) ha chiuso in rialzo del 4%, D.R. Horton (US23331A1097) dell’1,5%, Pulte Homes (US7458671010) del 2,6%, KB Home (US48666K1097) del 2,2%. I nuovi cantieri ed i permessi di costruzione sono calati lo scorso mese negli USA meno di quanto previsto dagli economisti.
Starbucks (US8552441094) ha guadagnato il 3,6%. UBS ha alzato oggi il suo rating sul titolo della più grande catena mondiale di coffee shop a “Buy”.
Limited Brands (US5327161072) ha guadagnato il 4,2%. Il gruppo che controlla la nota catena di biancheria intima femminile Victoria’s Secret verserà un dividendo straordinario di $1 per azione.
Harley-Davidson (US4128221086) ha guadagnato il 7%. Secondo delle voci che sono circolate oggi a Wall Street la famosa marca di moto di grande cilindrata sarebbe nel mirino del fondo di private equity Kohlberg Kravis Roberts (abbr. KKR).

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Migliori Broker Trading

Deposito minimo 50$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100€
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Le ultime news su Borsa Americana Oggi in Tempo Reale - Wall Street

Copia dai migliori traders

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.