Borsainside.com

Autovelox anche in città: cambia il Codice della Strada

Autovelox anche in città: cambia il Codice della Strada

Arrivano importanti cambiamenti al Codice della Strada. D'ora in poi gli autovelox fissi potranno essere installati anche in città, ma ci sono anche altre novità.

Nei giorni scorsi nel testo del disegno di legge di conversione del nuovo decreto che è stato approvato in Senato nei giorni scorsi, sono state introdotte diverse novità riguardanti la mobilità alternativa dell'auto, ma non solo questo.

C'è un altro punto, di fondamentale importanza, di cui bisogna parlare e riguarda sempre alcune modifiche apportate al Codice della Strada. Di cosa si tratta? Stiamo parlando di un provvedimento che riguarda gli autovelox, uno dei più grandi incubi per tutti gli automobilisti italiani e non solo.
D'ora in poi questi strumenti potranno essere installati anche nella stradina di casa; infatti l'installazione dei misuratori di velocità potrà essere effettuata anche nelle strade urbane e non più solo sulle strade a scorrimento veloce.

Secondo l'Ufficio Studi dell'ASAPS: "Si tratta di una vera e propria mini riforma del Codice, con norme che vanno a risolvere delicate questioni applicative di precedenti provvedimenti normativi, anche con ripercussioni internazionali, in modo particolare per i lavoratori frontalieni alla guida di veicoli con targa straniera quali San Marino, Svizzera, condotti da residenti in Italia da più di un anno, che venivano sequestrati per la riforma del pacchetto sicurezza 2018".

L'assessore alla mobilità del comune di Milano ha dichiarato di avere l'intenzione di installare alcuni autovelox in città, principalmente nelle strade in cui vi è un elevato rischio di investimento dei pedoni, quindi dove vi sono strade larghe e dritte che permettono di raggiungere elevate velocità, nonostante vi sia l'imminente presenza di abitazioni, negozi, scuole e servizi con attraversamenti pedonali.

Ma queste non sono le uniche novità. Infatti con il nuovo codice entrano in vigore anche le Zone 30: strade urbane ciclabili che possono essere percorse anche dalle auto ma solo entro i 30km/h. Alle bici invece sarà concesso circolare anche nelle corsie bus, ma questo vale solo per le corsie che sono larghe almeno 4,3 metri. L'ASAPS aggiunge: "Gli scooter a tre ruote potranno tornare a circolare in autostrata" ed inoltre saranno introdotte "nuove competenze per gli accertatori ed ausiliari di sosta, che avranno maggiori poteri di sanzionamento nei divieti di sosta".

Si tratta di un'iniziativa mossa dai Comuni italiani. Ricordiamo, difatti, che ad ora l'utilizzo degli autovelox fissi era limitato solo ed esclusivamente sulle strade ad alta velocità ed era vietato nelle strade urbane, dove con il nuovo provvedimento verranno, invece, introdotti. Il Prefetto si prenderà cura di dare l'autorizzazione per le nuove postazioni fisse, valutando accuratamente alcuni parametri stradali che daranno modo di stabilire la pericolosità di alcuni tratti stradali nei centri abitati.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS