Dpcm: spostamenti fino al 15 gennaio. Come e dove

Dpcm: spostamenti fino al 15 gennaio. Come e dove

Ecco le nuove regole per gli spostamenti dopo le feste natalizie, valide fino al 15 gennaio

Le feste di natale son passate, e con l'epifania, come ovvio che sia, ce le siamo definitivamente messe alle spalle e questo sta a significare solo una cosa, in tempi di coronavirus: un nuovo Dpcm che regolamenta gli spostamenti dal 7 al 15 gennaio 2021 che ha sempre lo scopo di contenere la diffusione dei contagi.

Con il nuovo Dpcm rimane ancora attivo il coprifuoco per gli orari che vanno dalle 22 alle 5 ed è ancora vietato lo spostamento tra regioni. Il sabato e la domenica tutta Italia ritorna in zona arancione. Coloro i quali vorranno fare rientro alla propria abitazione o domicilio potranno farlo fino al 15 gennaio: vige il divieto di spostarsi verso le seconde case situate in un'altra regione o provincia autonoma.

Durante il fine settimana del 9 e 10 gennaio 2021 tutto il territorio nazionale è zona arancione, escluse le regioni in cui sono attive le misure restrittive da zona rossa. Ciò significa che potranno spostarsi dal proprio comune solo i residenti di comuni non superiori ai 5.000 abitanti ed entro i 30km di distanza dal confine comunale. Rimangono vietati gli spostamenti verso i capoluoghi di provincia. Per la zona arancione sono permessi gli spostamenti all'interno del proprio comune senza una motivazione specifica e senza obbligo di autocertificazione. Ciò è ammesso, quindi, sia per fare sport che per sbrigare qualsiasi altro tipo di commissione.

Per quanto riguarda le regioni che invece si trovano in zona rossa, nei giorni 9 e 10 gennaio sarà possibile spostarsi ma solo all'interno del proprio comune, verso una sola abitazione privata e solo una volta al giorno. Rimane confermato il coprifuoco dalle 22 alle 5 e nel limite di massimo due persone oltre alle conviventi. I minori di 14 anni possono spostarsi con chi ne esercità la potestà genitoriale, e si possono anche spostare i disabili e le persone non autosufficienti conviventi. Chi si trova in comuni che non superano i 5.000 abitanti si può spostare sempre nel raggio di 30 km ma non verso i capoluoghi di provincia.

Per i trasgressori sono previste sanzioni amministrative per un minimo di 400 euro fino ad un massimo di 1.000 euro. Se la trasgressione avviene a bordo di un veicolo la sanzione viene aumentata di un terzo del valore. Per i negozi che non rispettano le regole si rischia la chiusura dell'attività da 5 a 30 giorni. Sanzioni previste anche per chi è in quarantena e non rispetta le regole per evitare la diffusione del virus. Chi viola le regole rischia l'arresto da 3 a 18 mesi e una multa che va da minimo 500 euro a massimo 5.000 euro.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS