Aumenti benzina: un problema per le famiglie

Aumenti benzina: un problema per le famiglie

I costi del carburante, sia diesel che benzina, continuano ad aumentare. Al Governo è stato richiesto di intervenire immediatamente

I prezzi di diesel e benzina hanno incanalato un percorso al rialzo piuttosto preoccupante. A denunciarlo è l'associazione dei consumatori, Assoutenti, specializzata in trasporti, secondo cui c'è il rischio di raggiungere dei prezzi veramente gravosi per i cittadini italiani.

Per queste ragioni il presidente Truzzi ha chiesto un pronto intervento al Governo Draghi, con la richiesta di una soluzione tempestiva che ponga rimedio al prezzo carburanti, con particolare attenzione alle tasse e alle accise. L'ultimo report sui prezzi di diesel e benzina evidenzia un aumento consistente per il carburante.

Sempre stando ai dati forniti dal report, l'aumento dei prezzi attualmente si traduce in un aumento di 7,85 euro per il pieni di benzina di un'auto di media cilindrata e di 7 euro per l'equivalente in diesel. Ciò si traduce in un aumento di 190 euro all'anno in più per ogni vettura, per quanto riguarda i costi diretti.

Infatti l'aumento del costo del carburante è anche causa di alcuni aumenti indiretti, basti pensare alle merci che vengono trasportate su gomma. Quindi il consumatore finale si ritrova a subire questo ciclo di rincari che va dall'aumento del carburante al conseguente aumento dei prezzi dei prodotti che acquista.

Furio Truzzi, presidente dell'associazione, evidenzia come su questi prezzi gravi il peso enorme delle accise e delle tasse che sono state aggiunte nel corso degli anni e questa è notizia ormai nota.

Carlo Rienzi, il presidente del Codacons, in seguito alle ultime statistiche che hanno messo alla luce il rincaro dei prezzi carburante che vanno ad incidere notevolmente sul bilancio dei cittadini italiani, ha dichiarato: "Il rischio è che il rialzo dei prezzi di benzina e gasolio produca aumenti anche per i generi alimentari visto che viaggiano su gomma, avendo inoltre impatto negativo sul comparto energetico con ovvi aggravi di spesa per i consumatori".

Alla luce di queste valutazioni e du questi fatti, Furio Truzzi ha chiesto al Governo Draghi una mobilitazione tempestiva per porre fine alla legenda che vede l'Italia in testa alla classifica europea per il costo del carburante, nonostante il netto, escluse tasse e accise sia tra i più bassi. Occorre necessariamente risolvere questa annosa questione.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS