Stellantis lancia la sfida a Tesla: "il nostro è un piano offensivo"

Stellantis lancia la sfida a Tesla:

Il gruppo nato dalla fusione tra Fiat Chrysler e PSA ha le idee chiare e vuole entrare nel mercato delle elettriche con decisione.

Stellantis lancia la sua sfida nel campo delle auto elettriche, soprattutto a Tesla. Carlos Tavares, amministratore delegato di Stellantis che, ricordiamolo, è nata dalla fusione di FCA e P.S.A., ha dichiarato che la società sta attuando un "piano offensivo" per poter competere con i top player del mondo e che non ha alcuna intenzione di farsi "mettere nell'angolo".

Tavares, durante la conferenza un cui sono stati presentati i risultati raggiunti nel 2020, ha spiegato che l'azienda ha l'obiettivo finale di lanciare una sfida ai concorrenti principali che al momento hanno un buon vantaggio sul percorso dell'auto del futuro, principalmente nel settore dell'elettrificazione e della guida autonoma.

Il CEO ha rimarcato con decisione che Stellantis non vuole trasformarsi in una "compagnia del passato" ed è pronta ad inserirsi come leader del mercato mondiale. Sulle scelte aziendali non sono stati rilasciati molti dettagli, è stato solo fatto cenno di alcune collaborazioni innovative per quanto riguarda le batterie elettriche e alcune sperimentazioni nel settore aviation.

Tavares ha poi precisato che Stellantis non è il frutto di una fusione dovuta alla crisi e tantomento si tratta di un "piano difensivo". Stellantis è il prodotto di "due aziende che vogliono competere e non vogliono essere dei dinosauri". Ha poi aggiunto che "si tratta di una nuova fantastica opportunità, una boccata d'aria fresca in questo mondo in contrazione".

Il futuro di Stellantis
Tavares ha poi continuato affermando "Cominciamo con il piede giusto, con una situazione finanziaria robusta", riferendosi hai risultati raggiunti nel 2020 e annuncia la presentazione del piano industriale al Capital markets day che è previsto per fine 2021 o inizio 2022.

"Entro il 2025 saremo contenti di avere il pieno controllo di tutta la catena di produzione dell'elettrico, batterie comprese" ha dichiarato Tavares che ha poi evidenziato l'obiettivo di "produrre veicoli elettrici con tanta autonomia e a un prezzo accessibile".

Il CEO ha poi parlato dei software, un settore che "oggi è strategico. Una nostra vettura ha 18 milioni di linee di codice, il triplo di un aereo di medie dimensioni. Per questo vogliamo avere il controllo del software: c'è un manager dedicato che sta predisponendo un piano di sviluppo che sarà presentato nei prossimi mesi".

La Cina potrebbe essere il primo mercato da conquistare. "Intendiamo sviluppare una strategia vincente: vogliamo restare e crescere. Finora noi siamo stati molto bravi in Cina, ma con Mike Manley stiamo cercando di capire come muoverci. Siamo arrivati tardi, ma abbiamo la possibilità di crescere e uno degli obiettivi strategici del 2021 sarà lo sviluppo del mercato cinese".

Operazioni di fusione
Il CEO portoghese non esclude a priori eventuali collaborazioni con altre società.
Il manager ha dichiarato che per ora al centro della strategia di Stellantis c'è il rafforzamento del mercato cinese e che il nuovo piano sarà presentato a fine 2021 o inizio 2022.

Parlando dell'Italia, Tavares ha affermato che cinque stabilimenti siano sostenibili ed ha aggiunto che sui marchi Alfa Romeo e Maserati c'è tanto lavoro da fare per incrementarne le potenzialità.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS