Tesla bloccata in Cina: il governo teme spionaggio

Tesla bloccata in Cina: il governo teme spionaggio

La cina restringe l'uso della famosa auto elettrica per ragioni di sicurezza nazionale

Tesla è un marchio che fa sempre parlare di sè ed è uno dei brand protagonisti in questo momento nel settore automotive, soprattutto per la fascia premium delle sue auto elettriche che sono le più note al mondo, anche grazie alle sue prestazioni e alla sua autonomia. Il marchio gode di ottima fama anche per le gesta del suo CEO, Elon Musk.

Non si è mai a corto di notizie infatti con Elon Musk e Tesla. Il CEO infatti è un imprenditore poliedrico con il cervello sempre in funzione a pensare a nuove idee che poi vengono immediatamente applicate, sempre alla ricerca della novità rivoluzionaria. Le novità partorite dalla sua mente sono tante, non a caso è stato, anche se per breve tempo, l'uomo più ricco del mondo alcune settimane fa, subito recuperato nuovamente da Jeff Bezos, CEO di Amazon.

La notizia riguardante Tesla oggi però arriva dalla Cina, dove il Governo ha preso la decisione di restringere l'utilizzo dei veicoli del famoso brand per le imprese statali, per le agenzie chiave e per il personale dell'esercito, a causa del sospetto che la Casa automobilistica americana possa far trapelare importanti informazioni interne riguardanti la sicurezza nazionale. È il Wall Street Journal a darne notizia che a sua volta cita le su fonti.

Sembra, inoltre, che tutte le vetture Tesla presenti sul territorio cinese, verranno sottoposte ad una revisione di sicurezza sui sensori, nello specifico. Infatti, stando a quanto dichiarato da alcuni dirigenti cinesi, i sensori dell'auto sarebbero in grado di registrare immaini che il Governo non vuole rivelare o addirittura dati riguardanti l'utilizzo dell'auto fino, addirittura, ad alcune informazioni riguardanti i conducenti delle stesse auto, con annessi contatti telefonici e altri dati sensibili.

Prontamente il CEO di Tesla, Elon Musk, ha dato la sua risposta: "Se Tesla usasse le sue auto per spiare in Cina o in qualsiasi altro Paese sarebbe chiusa ovunque. Se una società commerciale si dedicasse allo spionaggio, gli effetti nefativi su quela società sarebbero estremamente negativi".

Sono ben 130.000 le Tesla Model 3 vendute che sono state costruite a Shanghai e questa mossa del governo cinese potrebbe rivelarsi non poco problematica per il mercato della Casa automobilistica, che conta in Cina la sua seconda piazza più grande dopo quella americana. Musk aggiunge: "Anche se ci fosse lo spionaggio, cosa imparerebbe l'altro Paese? Sarebbe davvero importante? Nella stragrande maggioranza dei casi non importa affatto". 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS