Sondaggi politici, il partito di Renzi, Italia Viva parte dal 3,8%, e la Lega scende sotto il 30%

Sondaggi politici, il partito di Renzi, Italia Viva parte dal 3,8%, e la Lega scenda sotto il 30%

Renzi si stacca dal Pd, Italia Viva parte dal 3.8%, la Lega scende sotto il 30% e Il M5S diventa secondo partito dopo il calo del Pd

CONDIVIDI

E' passato un giorno dall'annuncio di Matteo Renzi di aver deciso di lasciare il Pd per creare una nuova realtà politica: Italia Viva. Il partito di Renzi però non parte da una base particolarmente solida, almeno dal punto di vista dei consensi elettorali, visto che i sondaggi realizzati in questi giorni lo danno intorno al 3,8%. Una percentuale di consensi che verrà presumibilmente, almeno in buona parte, sottratta ad un Partito Democratico già in calo.

Guadagnare investendo da casa ? Con la rivoluzione del Social Trading vedi chi sono i migliori investitori trader italiani e del mondo e inizi a copiare automaticamente dal loro portafoglio. Conto Demo gratuito per provare senza spendere 1€ Scopri i migliori trader su eToro con un Conto Demo Gratuito >>

Guadagnare investendo da casa ? Con la rivoluzione del Social Trading vedi chi sono i migliori investitori trader italiani e del mondo e inizi a copiare automaticamente dal loro portafoglio. Conto Demo gratuito per provare senza spendere 1€ Scopri i migliori trader su eToro con un Conto Demo Gratuito >>

Secondo gli ultimi sondaggi realizzati da Ixè infatti, il Pd non è più il secondo partito, seppur non a causa della scissione di Renzi e i suoi, che nel quesito del sondaggista infatti non viene inserita. Resta primo partito la Lega di Salvini, anche se in lieve calo rispetto a una settimana fa, visto che scende per la prima volta sotto il 30%, attestandosi infatti intorno al 29,9%.

Il secondo partito sarebbe quindi, almeno secondo i sondaggi di Ixè, il Movimento 5 Stelle, seppur in lieve calo anch'esso rispetto ai dati del 10 settembre, visto che perde lo 0,1% passando dal 22% al 21,9%. Il Partito Democratico è anch'esso in calo, ma non si tratta di decimi, bensì di un intero punto percentuale: dal 22,6% il Pd passa al 21,6%.

Inoltre, in un ipotetico confronto elettorale il Pd non potrà più contare sui consensi che defluiranno verso Italia Viva, il nuovo partito di Renzi, il che potrebbe, almeno in teoria, indebolire ulteriormente i dem. Sostanzialmente invariate le percentuali delle altre forze che compongono il centro-sinistra, con +Europa che passa dal 4,2% al 4%, ed Europa Verde che passa dall'1,4% all'1,6%.

Complessivamente il centro sinistra perde 1 punto percentuale in una settimana, mentre il centro destra è in crescita. Infatti, a parte lo 0,1% perso dalla Lega, Forza Italia resta stabile al 7,4% e Fratelli d'Italia cresce dello 0,4% passando dal 7,9% all'8,3%.

La coalizione di centro-destra raggiunge così il 45,6% contro il 45,3% di una settimana fa, ma il governo rappresenta ancora la maggioranza del Paese, visto che M5S e Centro-sinistra arrivano al 49,1%.

Aspettative e gradimento circa il nuovo partito di Renzi, Italia Viva

Renzi ha lanciato ieri il nuovo partito, Italia Viva, anche grazie alle donazioni dal mondo della finanza e della politica, ma non può contare ancora su una base elettorale solida, che è il vero patrimonio di qualsiasi formazione politica.

Al momento voterebbe per Italia Viva il 3,8% degli elettori. 2,3 punti percentuale il partito di Renzi li sottrae direttamente al Pd, trattandosi di ex elettori dem, mentre per il restante 1,5% attinge da vari partiti. Intanto il gradimento nei confronti dello stesso leader del partito, sempre in base ai sondaggi, non raggiunge mai il 30%.

Un'operazione, quella dell'ex segretario del Partito Democratico, che almeno per il momento non fa mancare il suo appoggio al governo Conte bis. Secondo il 45% degli elettori, non ci sarà alcun effetto negativo sul governo giallo-rosso, mentre secondo il 32% di loro le ricadute ci saranno. Il 50% degli elettori pensa che Renzi abbia sbagliato a dar vita al suo progetto politico, e se la domanda viene posta ai soli elettori del Pd, la percentuale sale all'85%.

E se metà degli elettori non vede di buon occhio la nascita di Italia Viva, solo il 27% si dice favorevole, mentre la percentuale di chi accetta di buon grado l'esistenza di questa nuova realtà creata da Matteo Renzi scende al 6% se si tiene conto soltanto degli elettori del Partito Democratico.

iQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro