Skin ADV

Fotocamere smartphone: le app per poterle sfruttare al meglio

Fotocamere smartphone: le app per poterle sfruttare al meglio

A volte le app per la fotocamera preinstallate su alcuni smartphone non rendono al meglio. Ma in alcuni casi servirsi di app esterne può essere utile.

La fotocamera di uno smartphone non è certo paragonabile ad una reflex. Ma alcuni comparti fotocamera di ultima generazione sono in grado di tirar fuori risultati davvero ottimi. Ad esempio i nuovi sensori Sony IMX586 e il Samsung ISOCELL Bright HMX realizzato in collaborazione con Xiaomi sono in grado di dare un'ottima risoluzione e saturazione.

🥇 Con AvaProtect fai trading senza preoccupazioni! Temi di perdere con una posizione? AvaTrade ti protegge…Riduci il rischio, aumenta i vantaggi. Scopri di piu’ ⭐ Ricevi 100.000 € di denaro virtuale con un account demo gratuito >>

🥇 Con AvaProtect fai trading senza preoccupazioni! Temi di perdere con una posizione? AvaTrade ti protegge…Riduci il rischio, aumenta i vantaggi. Scopri di piu’ ⭐ Ricevi 100.000 € di denaro virtuale con un account demo gratuito >>

I vari produttori di smartphone stanno facendo una vera e propria battaglia per presentare il telefonino con la miglior fotocamera ed i continui cambi al vertice della classifica testimoniano l'impegno e la forte concorrenza tra le varie case produttrici. Sul piano hardware quindi vi è battaglia aperta; per quanto riguarda il software, invece, l'app proposta di default dalle case a volte lascia un pò a desiderare. A volte non sono molto intuitive da utilizzare o peccano nella mancanza di alcune impostazioni manuali.

A volte, quindi, potrebbe essere una buona soluzione installare app Android esterne per sostituire o affiancare quella fornita dal produttore. Ovviamente i risultati cambiano in base ai requisiti del telefono sul quale le app vengono utilizzate.
Per non fare troppo i tecnici possiamo dire che le API Camera2 sviluppate da Google, disponibili sin da Android 5, sono la base necessaria per permettere alle app fotocamera per poter avere accesso al tempo di esposizione di una foto, ai valori ISO, ai dati in formato RAW e ad altre funzioni.
I produttori però non sono tenuti ad implementare le API Camera2.

Per poter verificare cosa è in grado di fare il proprio dispositivo si può installare l'app Camera2 API Probe ed esaminare i dati nella prima schermata.
Uno svantaggio dell'API Camera2 sta nella gestione ancora acerba di più sensori con la possibilità di poter scegliere tra principale, teleobiettivo e grandangolare. Inoltre API Camera2 in alcuni modelli di smartphone è completamente disponibile solo con l'app fornita dalla casa.

Quindi se l'utilizzo dell'API Camera2 non è del tutto aperto c'è da aspettarsi poche migliorie sui risultati delle foto installando app esterne. Ma per chi avesse sottoposto il proprio smartphone alla procedura di rooting c'è la possibilità di "forzare" l'utilizzo dell'API Camera2 modificando il file build.prop.

Ad ogni modo alcune app permettono di scattare foto con alcune opzioni avanzate. Ad esempio Open Camera, che riesce ad evidenziare in tempo reale le aree sovraesposte della foto.
Sia Open Camera che Footej Camera e anche HedgeCam permettono di poter sovrapporre all'immagine inquadrata un istogramma per poter stimare la distribuzione del colore prima ancora dello scatto. 

Vediamole nel dettaglio:

  • Footej Camera ha una versione base che è gratuita, ha un'interfaccia utente davvero buona e permette di selezionare differenti modalità di scatto: foto, video, burst, HDR ed altre. In modalità burst la fotocamera scatterà fino a 100 foto con un intervallo di 100 millisecondi e con questa modalità sarà possibile anche generare GIF. La versione a pagamento costa circa 3 euro.

  • Open Camera si distingue per una caratteristica davvero interessante: si può scattare una foto o avviare la registrazione video tramite comandi vocali o via bluetooth.
    Le modalità di scatto disponibili sono tante ed in più è possibile attivare alcune correzioni automatiche che permettono ad esempio di raddrizzare la foto, ovviamente a discapito della dimensione della stessa.
    Il mirino presenta una sorta di livella che permette di fare scatti in linea con l'orizzonte e c'è anche l'indicazione dell'angolo di visuale.
    Interessante la modalità HDR che permette di regolare il numero di scatti, tre o cinque, l'apertura focale ed il contrasto.

  • HedgeCam2 si esalta nelle funzionalità finalizzate ad ottimizzare i selfie. Infatti la fotocamera frontale può essere impostate in varie modalità pre-settate, ma può anche essere messa in modalità manuale, si può impostare il valore ISO ed il tempo di esposizione.

    La modalità HDR offre molte opzioni. Si può scegliere il numero di foto da scattare, i toni, il grado di sfocatura e impostare il contrasto. Inoltre è possibile impostare i livelli di bilanciamento del bianco, alcune regolazioni invece variano in base al tipo di smartphone utilizzato. Purtroppo non è più presente l'indicatore delle aree sovraesposte.

Alcuni aspetti vanno però sottolineati: ad esempio, al momento della creazione di un file JPEG con le foto, le app preinstallate si comportano meglio. Questo perchè il produttore può calibrare al meglio in suoi algoritmi in base alle caratteristiche dell'hardware.
Anche per la modalità notte e la modalità ritratto, le app preinstallate si rivelano più efficaci.

IQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
Avatrade

Apri un conto demo gratuito con AvaTrade ✅ Ricevi 100.000 € di denaro virtuale per praticare la tua strategia di trading ⭐☎ Supporto vincente.

Approfitta dei nostri Expert Advisor e delle piattaforme di copy trading, oltre al trading sulle criptovalute 24/7. Con licenze di regolamentazione in 6 giurisdizioni, garantiamo un’esperienza di trading senza difficoltà.

AvaTrade è orgoglioso di essere partner globale del Manchester City, campioni della premier league 2018/19

DEMO GRATUITO