Borsainside.com

Rimborsi automatici per le bollette da 28 giorni. Erano eversive.

Rimborsi automatici per le bollette da 28 giorni. Erano eversive.

Il Consiglio di Stato ha dato all'Autorità garante per le comunicazioni riguardo ai rimborsi dovuti per le bollette con cadenza da 28 giorni. In cosa consistono i rimborsi?

Usando un linguaggio anche abbastanza chiaro e duro i giudici del Consiglio di Stato hanno stabilito che, le compagnie telefoniche dovranno rimborsare gli utenti che sono stati vittime del passaggio, senza preavviso ed avvenuto in maniera forzata del cambio di fatturazione nell'occasione in cui divenne a con scadenza di 28 giorni. Questo cambiamento è stato definito dai giudici sia sleale che eversivo.

Questa lunga storia ha avuto inizio tra la fine del 2016 e l'inizio del 2017 quando le principali compagnie telefoniche presero la decisione di modificare il periodo di fatturazione inviando le bollette ai clienti ogni quattro settimane, quindi ogni 28 giorni e ciò ha comportato un aumento dell'8,6%, praticamente una mensilità in più da pagare nel corso dell'anno. L'anno "telefonico" era di 13 mesi e non di 12, adottando questo sistema.

La sentenza appena pubblicata però da ragione all'autorità garante per le comunicazioni riguardo ai rimborsi delle bollette a 28 giorni. Nella sentenza viene stabilito che i rimborsi debbano avvenire in modo automatico ai clienti.

L'Agcom aveva intimato Tim, Fastweb, Wind Tre e Vodafone a "restituire" ai clienti in modo automatico il corrispettivo dei giorni decurtati, senza richiedere da parte dei clienti un'azione attiva per ottenere tale rimborso. Le compagnie invece avevano ribadito dalla loro la correttezza di erogare il rimborso solo a chi procedesse con formale richiesta.

Ma la sentenza del Consiglio di Stato respinge il ricorso presentato da Vodafone contro la delibera ed estendendo la decisione anche alle altre compagnie telefoniche. Inoltre vengono messi in evidenza due aspetti eversivi presenti nella mossa delle compagnie:

  1. Il richiamo a una cadenza temporale etranea, se non contraria agli usi commerciali inveterati ab immemorabili;
  2. Il tentativo di detti operatori di forzare il sistema dell'autonomia tariffaria eludendo gli obblighi per dissimulare l'aumento tariffario e renderlo poco o nient'affatto intelligibile ai consumatori.

"Sleale non solo perchè indusse l'utente, grazie all'apparente piccolo scarto tra 28 giorni e mese intero, a sottovalutare tal sottile discrepanza e non cogliere fin da subito il predetto aumento- dichiara il Consiglio di Stato- Invero la clausola sulla nuova cadenza di fatturazione sembra impedire o, comunque, rende più difficile all'utente rappresentare a se stesso e con la dovuta immediatezza come, attraverso la contrazione della periodicità di tariffazione, il gestore telefonico percepisce, nel corso di un anno, il corrispettivo per il 13, anzichè per 12 volte. Nè basta: la scelta a 28 giorni limitò drasticamente la possibilità di reperire offerte basate su termini temporali mensili e rese difficoltoso, se non inutile, l'esercizio del diritto di recesso, non essendo più reperibili sul mercato alternative diverse da quella così adottata".

Come funziona il rimborso delle bollette da 28 giorni
Ai milioni di clienti coinvolti nella tariffazione a 28 giorni ora spetta uno storno in bolletta di circa 20-30 euro. Ancora una batosta dopo la maxi-multa inflitta dall'Antitrust per aver fatto cartello in fase di ritorno alla fatturazione mensile.

Ricordiamo comunque che tali rimborsi riguardano solo la telefonia fissa.

IQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS