Skin ADV

WhatsApp: a marzo 2020 gruppi a rischio sicurezza

WhatsApp: a marzo 2020 gruppi a rischio sicurezza

Sui motori di ricerca sono disponibili i link per accedere ad alcuni gruppi WhatsApp con conseguente pericolo per i nostri dati. Vediamo perchè e come evitare il pericolo

WhatsApp ha ormai intrapreso da tempo la battaglia in favore della sicurezza e della privacy dei suoi utenti. Infatti tutti i messaggi, che siano di testo, video, foto o audio sono protetti da crittografia endo-to-end che dovrebbe rendere impossibile agli haker rubare informazioni personali dalle varie chat. Negli ultimi giorni però la sicurezza dell'app di messaggistica più famosa al mondo è stata messa in discussione da alcuni esperti di sicurezza informatica che avrebbero scoperto una falla: sui motori di ricerca (Google per esempio) ci sarebbero i link di accesso per alcuni gruppi privati.

⭐ Ricevi 100.000 € di denaro virtuale con un account demo gratuito per praticare la tua strategia di trading ☎ Supporto vincente, trading in sicurezza e app AvatradeGo per il tuo smartphone. – Prova Demo >>

⭐ Ricevi 100.000 € di denaro virtuale con un account demo gratuito per praticare la tua strategia di trading ☎ Supporto vincente, trading in sicurezza e app AvatradeGo per il tuo smartphone. – Prova Demo >>

In parole semplici cosa significa ciò? Gli amministratori dei gruppi WhatsApp possono creare un link da inviare ai propri amici per invitarli in un gruppo. Il problema è che questi link vengono indicizzati dai motori di ricerca, come Google e Bing ad esempio. E' sufficiente quindi fare una ricerca specifica per ottenere il link ed entrare così in un gruppo dove magari non conosciamo nessuno. Va da sè che una volta entrati in un gruppo si può avere accesso ai nomi, numeri di telefono, foto e video e altri dati sensibili che sono disponibili sull'applicazione.

Facebook, in quanto titolare di WhatsApp, è già corso ai ripari provvedendo a togliere l'indicizzazione dei link dei gruppi. Purtroppo però questo è avvenuto solo su Google, ma non sugli altri motori di ricerca. Difatti in questi giorni alcuni ricercatori di sicurezza hanno trovato online ben 60.000 gruppi, ovviamente alcuni con informazioni molto riservate.

Il problema dei link d'accesso ai gruppi si pensava fosse stato risolto la scorsa settimana, ma evidentemente non è così. L'ultimo report dimostra che oltre 60.000 gruppi sono ancora online e per trovarli è sufficiente effettuare una ricerca ben mirata senza aver ricevuto alcun invito.

Facebook è già intervenuta per eliminare i link dall'indicizzazione Google, ma purtroppo molti link sono rimasti negli archivi della rete e quindi sono ancora disponibili. E' possibile, senza entrare ufficialmente in un gruppo, rubare dati personali dagli utenti. Facebook in merito a questa questione ha pubblicato una comunicazione ufficiale: "la presenza di tutti i numeri delle persone presenti nel gruppo è per la sicurezza degli utenti, che così sanno chi riceve i loro messaggi". Questa sicurezza però sembra non essere così elevata, evidentemente.

Soluzione
Aspettando che da Facebook trovino la cura adatta a questo problema noi possiamo fare del nostro affinchè i gruppi possano rimanere sicuri e di conseguenza anche i nostri dati rimarranno inviolati. Basta non utilizzare la funzione di invito tramite link, ma aggiungere gli amici all'interno del gruppo tramite il classico metodo.

Ultimamente WhatsApp sta passando periodi turbolenti. Infatti solo poche settimane fa la Commissione Europea aveva consigliato ai propri funzionari di usare Signal per le comunicazioni in quanto considerata più sicura ed ora arriva anche questa notizia. Questo potrebbe portare parte degli utenti a cercare nuove piattaforme più sicure.

IQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
Avatrade

Apri un conto demo gratuito con AvaTrade ✅ Ricevi 100.000 € di denaro virtuale per praticare la tua strategia di trading ⭐☎ Supporto vincente.

Approfitta dei nostri Expert Advisor e delle piattaforme di copy trading, oltre al trading sulle criptovalute 24/7. Con licenze di regolamentazione in 6 giurisdizioni, garantiamo un’esperienza di trading senza difficoltà.

AvaTrade è orgoglioso di essere partner globale del Manchester City, campioni della premier league 2018/19

DEMO GRATUITO