Skin ADV

Connessione internet lenta? Come migliorare la nostra linea

Connessione internet lenta? Come migliorare la nostra linea

In questo periodo di permanenza casalinga le linee internet sono intasate e si verificano dei rallentamenti. Proviamo a pulire e correggere la nostra linea per poterla sfruttare al meglio. Vediamo come

In questo periodo di quarantena in cui tutti trascorriamo le nostre giornate in casa, gran parte del tempo viene trascorso su internet. Che sia per videogame, per film, per i social o per altro, la rete internet in questo periodo è seriamente messa a dura prova 24 ore su 24. La rete italiana, e non solo, non è abituata ad sopportare un simile stress, è la prima volta infatti che ci si trova in queste condizioni di permanenza forzata. Non si era mai verificato, fino ad ora, che un così grande numero di persone fosse rinchiuso in casa, con un ovvio conseguente aumento di utilizzo della rete che porta a problematiche della gestione delle linee.

✅ Apri una demo gratuita con AvaTrade e ricevi subito 100.000 € di denaro virtuale per praticare la tua strategia di trading ⭐☎ Expert Advisor e piattaforma di copy trading DuplyTrade. Vai su Avatrade.it >> Trading in sicurezza e  spread ultra bassi.

✅ Apri una demo gratuita con AvaTrade e ricevi subito 100.000 € di denaro virtuale per praticare la tua strategia di trading ⭐☎ Expert Advisor e piattaforma di copy trading DuplyTrade. Vai su Avatrade.it >> Trading in sicurezza e  spread ultra bassi.

Internet, ora ancor di più, non serve solo per guardare le nostre serie preferite su Netflix, ( che tra l'altro in questi giorni ha abbassato la sua qualità video proprio per evitare di sovraccaricare le linee- argomento affrontato qui ), ma serve soprattutto per lavoro e per la didattica a distanza. Dover lasciare in sospeso importanti situazioni lavorative o lezioni scolastiche per il collasso di internet può avere conseguenze ben più pesanti di una puntata su Netflix interrotta a metà.

Ora vedremo come poter ottimizzare i risultati della nostra rete senza però gravare sulle linee con un consumo eccessivo e inutile di dati.

Testare la propria rete
La primissima verifica da fare, prima di pensare che il nostro gestore ci fornisca una scarsa qualità di connessione, è quella di testare la qualità della nostra linea internet nelle migliori condizioni. Ciò significa che bisogna ridurre al massimo eventuali punti intermedi tra il nostro pc ed il router di rete. Per farlo, la miglior soluzione è collegarsi direttamente alla fonte, ovvero connettere il nostro pc direttamente al cavo che fuoriesce da nostro router (se vi è possibile), in modo da poter ottenere un test più fedele possibile.

Siamo così pronti a testare la linea. Ci sono diverse piattaforme per poter testare la linea, come ad esempio www.misurainternet.it oppure speedtest.net di Ookla fino ad arrivare al misuratore di Netflix, fast.com. È consigliabile testare le linee più volte al giorno in modo da poter vedere le prestazioni durante l'arco della giornata e poter individuare eventuali congestioni.

Verifica ed eliminazione parassiti
Per eseguire un test corretto della nostra linea tramite cavo diretto, è bene disattivare il wi-fi, in quanto i vari dispositivi connessi tramite wi-fi spesso agiscono in modo silenzioso, come ad esempio il nostro smartphone che scarica un aggiornamento per un'app, o il pc che aggiorna windows, la consolle che scarica un aggiornamento da diversi Giga di Fortnite... e tanti altri potrebbero essere gli esempi. Tutte attività, queste, che seppur "silenziose" rischiano di saturare la nostra linea. Queste attività sono i cosidetti "parassiti", di cui dobbiamo avere un "censimento" ed è bene verificarle.

Le cose da fare sono due in questo caso: per gli smanettoni si tratta di entrare nelle impostazioni del router e controllare i dispositivi connessi e fare le verifiche del caso. Per i meno smanettoni è consigliabile cambiare la password del proprio wi-fi al fine di evitare che qualcuno che magari era riuscito a connettersi alla nostra linea in maniera furba, possa continuare ad appesantirla in questo momento (oltre al fatto che non avrebbe dovuto farlo nemmeno prima).

Che velocità di connessione ci serve?
Una volta eseguito il test ci poniamo un altro quesito: qual è la velocità di banda di cui abbiamo bisogno per navigare in tranquillità? In questo caso non esiste un'unica risposta: dipende tutto dall'utilizzo che ne facciamo e quindi dalle nostre esigenze. 

Partendo dall'utilizzo essenziale, cioè lavoro e studio, possiamo prendere in considerazione uno strumento utilizzato da aziende per le riunioni e per la didattica a distanza: Microsoft Teams. È la stessa Microsoft, in questo caso, a pubblicare i requisiti per una buona navigazione in base alle necessità

Siamo più o meno sullo stesso valore di requisiti per un altro strumento molto utilizzato in queste situazioni ed in questo periodo: Skype. Poi c'è anche un altro strumento, che fa parte direttamente della suite di Google e che in questi giorni è usato molto per la didattica a distanza, sarebbe Google Hangouts Meet. La stessa Google inoltre da una serie di suggerimenti interessanti su come ottimizzare la propria connessione abbassando i requisiti di banda, se necessario, riducendo un pò la qualità di Hangouts Meet.

La maggior parte della banda, ovviamente, è consumata dai servizi basati sui video. 
La linea viene messa a dura prova soprattutto, purtroppo, da dei servizi che sono molto meno vitali, ovvero le piattaforme di fruizione video. Prendiamo due delle piattaforme più famose: Netflix ed Amazon Video. Queste due piattaforme per fornire un servizio al massimo della qualità possibile, adattano in automatico la qualità in base alla banda disponibile. Va da se che tendono sempre a saturare la linea per poter "proiettare" un video con la qualità migliore possibile. In parole povere, utilizzano tutto quello che possono saturando la banda.

Potrebbe sembrare una quantità di banda non eccessiva, perchè per l'HD, per esempio,  le due piattaforme richiedono almeno 5 mega, ma il problema è dato soprattutto dalla costanza della richiesta di questi dati, ed in questi giorni c'è una richiesta h24 praticamente. 

Qualità del router
Ovviamente, qualora ve lo foste chiesti, anche il router o modem influisce tanto sulla qualità della nostra linea internet. Un router economico potrebbe avere una CPU non sufficiente a reggere tutto il traffico dati che viene scambiato in queste ore (ma anche in situazioni normali a volte). Peggio ancora se il router economico deve gestire diversi apparecchi wi-fi. Un ruter che abbia supporto ad uno degli ultimi standard wi-fi (wi-fi 5 o 6) ovviemante garantisce maggior velocità di navigazione e miglior distribuzione della rete nella nostra casa. 

Una volta eseguiti questi test di verifica della linea e di qualità del nostro router o modem, valutate bene se è il caso di sostituirlo, soprattutto a causa del momento che stiamo vivendo. È altamente consigliato avere qualcuno di competente in casa perchè in caso di problemi in fase di sostituzione, non è scontato che in questo momento sia facile trovare un tecnico che venga a casa per la sistemazione o che i servizi assistenza siano veloci ed efficienti come in situazioni normali.

Priorità ai servizi importanti
Sempre in ambito router, molti di questi hanno la possibilità di distribuire la priorità del traffico. Tradotto: il router da priorità al traffico necessario ad alcuni servizi, garantendo che la qualità migliore della linea venga sempre assicurata per quelle attività che noi riteniamo importanti ed indispensabili. Se il nostro router ha un'impostazione del genere e noi per lavoro o studio abbiamo necessità di dare assoluta priorità ad alcuni servizi, sarà possibile farlo mettendo in priorità secondaria altri servizi meno importanti per noi.

Con il wi-fi meglio il 5 GHz
Sappiamo che la maggior parte dei dispositivi che utilizziamo si appoggiano direttamente alla rete wi-fi. Proprio questa potrebbe essere la causa di alcuni rallentamenti e calo di prestazioni.

In altri termini, se avete fatto il test della qualità di connessione ed i risultati sono buoni, ma poi durante le videochiamate, chiamate wi-fi o proiezione video ci sono scatti, audio intermittente e immagini traballanti, allora il problema risiede nel wi-fi. Cosa fare quindi?
Innanzitutto valutate l'anzianità del vostro router. Se si tratta di un dispositivo con rete wi-fi 802.11b/g/n, allora FORSE è il caso di prendere in considerazione l'acquisto di un nuovo router. Se invece si tratta di un dispositivo più recente che supporta gli standard AC (wi-fi 5)o AX (wi-fi 6) allora in tal caso potrete usufruire della banda a 5 GHz che è meno intasata e meno soggetta ad interferenze rispetto alla 2.4 GHz.

Gli standard più recenti in realtà sfruttano entrambe le frequenze in combinazione ma qualora vi fosse possibile scegliere, meglio scegliere la banda a 5 GHz.

Se il wi-fi non ha una buona copertura?
La copertura wi-fi, anche avessimo un router con standard wi-fi 6, non può sempre arrivare in ogni angolo della nostra casa. Ed ecco perchè dobbiamo verificare che la copertura raggiunga i posti in cui utilizziamo i servizi più "pesanti" che richiedono maggior connessione. Se il segnale non arriva con la potenza adeguata, avremo una visione a singhiozzo dei video per esempio.

In questi casi è opportuno ampliare il segnale del nostro router. Come? In commercio sono disponibili diversi dispositivi che servono ad estendere la nostra rete wi-fi. In genere sono piccoli dispositivi che è sufficiente collegare ad una presa all'interno della zona coperta dal router, che servono ad estendere il segnale del router stesso. Dei piccoli ripetitori di segnale in pratica.

Inoltre, soluzione ancora più interessante, da qualche anno, anche su alcuni router economici, si è diffuso lo standard Mesh, un modo per estendere il segnale wi-fi totalmente diverso. In pratica non si tratta più di un dispositivo centrale (router) e di una serie di apparecchi intorno che ne amplificano il segnale, ma di una rete di ripetitori intelligenti che comunicano tra loro per portare la banda e la potenza di segnale dove viene richiesta. Alcuni produttori hanno aggiunto un nuovo protocollo ai loro router, tramite aggiornamento, che permette di "arruolare" come membro della rete Mesh anche vecchi router in disuso. Se possibile, meglio usufruire di una rete Mesh. 

Se non c'è il wi-fi c'è Powerline
In alcune situazioni il wi-fi non riesce ad arrivare nonostante i vari sforzi e i vari adattamenti del caso. Potrebbe essere il caso di mansarde, cantinette, giardini (che magari durante la quarantena diventano importanti luoghi di rifugio per una riunione di lavoro in tutta riservatezza)

Da qualche anno ormai, ci sono gli adattatori Powerline, i quali trasmettono dati tramite l'impianto elettrico. Come funzionano? Si tratta di una coppia di adattatori da collegare alla classica presa della corrente elettrica. Il primo adattatore viene collegato al cavo di rete del router, il secondo adattatore invece verrà inserito in una presa nella zona in cui si vorrà portare la linea internet, come ad esempio una tavernetta. In questo caso, quando siamo nella tavernetta, o colleghiamo il computer all'adattatore Powerline tramite cavo di rete oppure con una coppia di adattatori Powrline dotati di wi-fi, direttamente dall'adattatore Powerline presente nella tavernetta, verrà trasmesso un segnale wi-fi a cui sarà possibile connettere il nostro pc o qualsiasi altro dispositivo.

Questa è una soluzione molto pratica, ma ovviamente la qualità del segnale trasmesso cambierà tanto in base alla qualità degli adattatori che useremo. Non date per scontato quindi che potrete tranquillamente utilizzare servizi pesanti come Netflix o videogame diretamente dalla tavernetta. 

Quindi, i vari step per assicurarsi una buona connessione sono

  • testare la qualità della linea
  • valutare l'anzianità del router
  • eliminare i parassiti e limitare le attività indesiderate "silenziose"
  • ottimizzare la distribuzione del wi-fi in casa nelle zone di maggior bisogno
  • usare una tecnologia wi-fi migliore possibile
  • utilizzare dispositivi per espandere la copertura wi-fi

applicati questi accorgimenti avrete la certezza di poter usufruire della miglior connessione per voi possibile. Ovviamente ricordate che in questo periodo di permanenza casalinga la rete internet sta sopportando un durissimo carico di lavoro, quindi è naturale che le prestazioni non siano costanti e sempre ottimali, oltre al fatto che i rischi di un collasso non sono lontanissimi.

IQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
Avatrade

Apri un conto demo gratuito con AvaTrade ✅ Ricevi 100.000 € di denaro virtuale per praticare la tua strategia di trading ⭐☎ Supporto vincente.

Approfitta dei nostri Expert Advisor e delle piattaforme di copy trading, oltre al trading sulle criptovalute 24/7. Con licenze di regolamentazione in 6 giurisdizioni, garantiamo un’esperienza di trading senza difficoltà.

AvaTrade è orgoglioso di essere partner globale del Manchester City, campioni della premier league 2018/19

DEMO GRATUITO