Borsainside.com

Coronavirus: crisi per gli influencer. Non vengono più pagati

Coronavirus: crisi per gli influencer. Non vengono più pagati

A causa del coronavirus gli influencer hanno un pubblico maggiore ma le aziende non sono disposte a pagare perchè il mercato è quasi fermo. Alcuni si riciclano

In questo periodo di quarantena in cui tutti siamo rinchiusi in casa, i creatori di contenuti social stanno vivendo una sorta di paradosso, ovvero il pubblico aumenta sempre di più a causa anche della noia che riempie le giornate in casa ma loro non vengono più pagati per intrattenerlo. In un certo senso questa si può definire la prima crisi di settore e loro provano ad inventare nuove tendenze per intrattenere il pubblico. 

Il mondo degli influencer solo in Italia nel 2019 ha toccato un valore di 241 milioni di euro e sencondo Izea, la più importante agenzia di influencer marketing americana, a causa della diffusione del coronavirus avrà un calo del 25% dei profitti.

"In realtà possiamo anche vederla come un'occasione per parametrare di nuovo questo mondo", dice Matteo Maffucci, popstar degli Zero Assoluto, uno dei fondatori di One  Shot, agenzia che cura alcuni influencer come Gordon (750 mila follower su Instagram) e Elisa Maino, tiktoker da 4,8 milioni di follower. "Il coronavirus li ha riportati nelle camerette ma con più concorrenza e un pubblico più ampio". Quindi sarà la qualità dell'intrattenimento offerto a dimostrare alle aziende chi veramente ha ancora valore. Aziende attirate dall'aumento delle interazioni, si parla di un +70% per Izea. "Questo può avere una portata epocale per il settore, gli utenti in più non sono i millennial ma gli over 60, quelli che fino ad oggi hanno flirtato con il web senza viverci sopra e che hanno capacità di spesa differenti".

In attesa di questa rivoluzione intanto, i creatori di contenuti riguardanti viaggi, cibo o eventi, in questo momento possono considerarsi a tutti gli effetti disoccupati. Alcuni influencer stanno puntando a fidelizzare i propri utenti riciclandosi in altro modo, trovando nuovi contenuti, ma facendo a meno del compenso che ricevevano prima, circa 300-600 euro a post, stando a quanto dichiarato dall'Osservatorio Nazionale Influencer Marketing. Ma lo fanno in chiave futura per mantenersi il pubblico. 

"Le aziende hanno dipendenti e costi fissi da sostenere tra cui rientrano di certo gli influencer, sono i primi ad essere stati tagliati", spiega Francesco Facchinetti, curatore d'immagine di diverse star del web tramite la sua agenzia NewCo management. "C'è una grave crisi perchè le aziende investono in rete per vendere nei negozi fisici, senza questo passaggio ora spegniamo tutto. Io ho costruito una realtà solida che a gennaio 2020 ha fatturato quanto i primi 3 mesi del 2019, ma questo mese di marzo 0 totale". 

Ovviamente questa è solo una fase transitoria perchè le aziende comprenderanno l'importanza di muoversi su un canale digitale. Intanto Facchinetti dice anche che gli influencer dovrebbero imparare a stare zitti, perchè, dice: "l'ingnoranza fa più vittime del virus e pazienza se qualcuno di loro dovrà cambiare stile di vita e postare meno con tanta gente online".

Pietro Contaldo, presidente di Igers Italia, associazione degli instagrammer, ha detto: "In pratica tutti i progetti in cantiere fno a luglio sono sospesi. Se stiamo realizzando un percorso di comunicazione fatto in più mesi che magari termina con un evento, non ha più senso portarlo avanti. Anche se le interazioni sono a mille, non c'è modo di monetizzare".

Valida soluzione sarebbe quella del reinventarsi, rimanendo in qualche modo coerenti con il target del proprio pubblico. Esempio concreto è quello di Dorian Pellumbi, fotografo 33 enne di Bologna da 200 mila follower su Instagram e spiega: "oggi sono a piedi, il mio lavoro consiste nell'essere in giro ogni settimana con enti turistici o brand. Tutte realtà che sono paralizzate". Quindi Dorian per trovare una soluzione a questo stallo momentaneo, nei suoi ultimi post vende direttamente le sue competenze: "Ho realizzato un pacchetto di filtri da scaricare a pagamento che permette a chi mi segue di emulare il mio stile. È un modo per arrangiarsi".

IQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS