HarmonyOs, il sistema operativo di Huawei, attira Xiaomi, Oppo e Vivo

HarmonyOs, il sistema operativo di Huawei, attira Xiaomi, Oppo e Vivo

Xiaomi, Oppo e Vivo potrebbero utilizzare HarmonyOS sui loro smartphone, dando inizio ad una dura sfida con Android

Huawei punta in alto con il suo sistema operativo HarmonyOS, dopo aver passato un brutto momento a causa delle sanzioni imposte dagli Stati Uniti con l'amministrazione Trump (e tutt'ora in atto). Sulla carta, stando alle voci di corridoio, la mossa del colosso tech potrebbe rivelarsi davvero vincente, perchè sembra che altri grandi giganti stiano appoggiando l'impresa. Sembra, infatti, che Xiaomi, Oppo e Vivo abbiano dimostrato un vero interesse verso il sistema operativo di Huawei a tal punto da volerlo adottare sui loro dispositivi.

Certo, già solo l'idea di voler rimpiazzare il colosso indiscusso di Google, Android, sembra una battaglia titanica, ma sembra proprio che Huawei non abbia paura. A quanto sembra l'idea è quella di rimpiazzare il sistema operativo del robottino sui device di altri importanti brand iniziando dal territorio cinese. A ben guardare, l'idea non è poi così pazza, infatti in Cina marchi come Xiaomi, Oppo e Vivo hanno già ridotto all'osso la presenza di Google e sembra ci siano già le intenzioni di integrare i propri device con il sistema operativo come quello di Huawei. Ma attenzione, è ancora troppo presto per cantar vittoria, infatti prima di iniziare questa vera e propria guerra, bisogna prima fare alcuni grandi passi e superare delle importanti revisioni.

HarmonyOS cela un cuore Android?
La versione beta di HarmonyOS 2.0 per stessa ammissione di Huawei non è ancora la versione definitiva del sistema operativo. Stando alle dichiarazioni di chi ha avuto modo di testarla con le proprie mani, sembra che il sistema operativo di Huawei ricalchi troppo la versione del robottino, solo alcuni dettagli di relativa importanza lo differenzierebbe da quest'ultimo.

Anche se questo dovrebbe essere un vantaggio per gli sviluppatori, però si discosterebbe da quanto dichiarato dall'azienda che aveva esplicitamente fatto riferimento ad un'esperienza totalmente rivoluzionaria rispetto a quella offerta da Google.

Compatibilità HarmonyOS-processori
Un altro ostacolo da superare è quello dei processori. Al momento il sistema operativo è ottimizzato per lavorare al massimo delle sue prestazioni con il processore HiSilicon Kirin, che, sia chiaro, non è una scelta incosciente o strana, trattandosi del chip che equipaggia gli smartphone Huawei. Lo stesso Android è ottimizzato per performare meglio con i chip di Qualcomm e MediaTek.

Ma non sembra essere un ostacolo insuperabile questo. Infatti Huawei starebbe già lavorando per rendere il suo sistema operativo compatibile anche con altri processori utilizzati da altri brand. Nel momento in cui porterà a termine questo sviluppo l'attrattiva verso gli altri competitor potrebbe essere maggiore e mettere a serio rischio il dominio di Google sul mercato cinese.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS