I nostri telefoni ci spiano?

I nostri telefoni ci spiano?

I nostri telefoni sono davvero in grado di ascoltarci mentre parliamo e di usare quelle conversazioni per fini pubblicitari?

È diffusissima l'idea che il nostro smartphone riesca a sentire quello che diciamo con i nostri amici quando facciamo con loro delle conversazioni di persona.

Questa tesi viene sostenuta da un pubblico eterogeneo, non solo dai classici complottisti. In genere il sospetto di essere ascoltati dal proprio telefono nasce da un'inserzione pubblicitaria che compare a seguito di una conversazione con il medesimo argomento e subito ci troviamo l'argomento o il prodotto sponsorizzato sui social o su un sito web.

Ma è vero che i nostri smartphone sono in grado di ascoltarci?

È bene precisare che i nostri dispositivi sono in grado di registrare e anche trascrivere per inoltrarli a terzi, i dialoghi che intercettano. Come possiamo provarlo? Le orecchie dei nostri smartphone sono i microfoni e questi devono essere sempre attivi per poter attivare l'assistente digitale (Siri, Alexa e Google Assistant) quando pronunciamo i comandi con "Ehy Siri" o "Alexa...".

Scherzi dell'immaginazione e modi alternativi per spiare gli utenti
Una teoria da escludere è quella di eventuali trojan, ovvero dei software creati per fini poco nobili. Sono tecnologie usate nello spionaggio, ma troppo dispendiose per impiegarle in massa per semplici fini pubblicitari.

Un altro fattore che ci fa sentire spiati potrebbe essere semplicemente dovuto a degli scherzi del nostro cervello. Infatti durante la giornata parliamo di tanti argomenti molto differenti fra loro e altrettanti sono gli annunci che vediamo navigando online. Il fatto di poter incrociare un'inserzione che riguarda un argomento che abbiamo affrontato parlando con qualcuno durante la giornata è da imputare anche alla statistica. Da precisare anche che le conversazioni e la nostra cronologia di navigazione sono la "rappresentazione" dei nostri interessi.

C'è inoltre anche un altro fattore, ovvero che dopo aver cercato qualcosa online poi ci ritroviamo a parlarne con qualcuno e successivamente ci compare l'inserzione pubblicitaria. In questo caso questa è dovuta più alla ricerca fatta in precedenza che all'averne parlato con qualcuno. 

I rischi che si corrono in rete sono ben altri e dei quali ci preoccupiamo meno di quanto facciamo per i sospetti di spionaggio.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS