etoro

Legge di Bilancio 2021, ecco tutti i bonus aggiunti in favore dell'ambiente

Legge di Bilancio 2021, ecco tutti i bonus aggiunti in favore dell'ambiente

La nuova Legge di Bilancio 2021 include diversi bonus inseriti a favore dell'ambiente e della crescita sostenibile. Vediamo quali sono

Con la Legge di Bilancio 2021 sono stati finalmente confermati gli incentivi previsti per l'acquisto di auto elettriche, assieme a quelli introdotti a sostegno delle famiglie con ISEE inferiore a 30mila euro, ecobonus, superbonus 110% e bonus verde.




✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

Ma vediamo ora più in dettaglio quali sono le agevolazioni introdotte per la prima volta nel nostro ordinamento e quali sono invece quelle già presenti ma che spesso passano inosservate

Fondi per il risparmio delle risorse idriche

Nella nuova Legge di Bilancio 2021 è stato introdotto un bonus di 1.000 euro per ciascun beneficiario, residente in Italia, e potrà essere utilizzato entro il 31 dicembre dell'anno corrente. Lo stanziamento complessivo ammonta quindi a 20 milioni di euro.

Entro la fine di febbraio verranno confermate le modalità di fruizione del bonus, ma per ora è certo che questo "bonus idrico" potrà essere utilizzato per diversi interventi (su edifici esistenti, parti di edifici esistenti o su singole unità immobiliari), tra cui:

  • la sostituzione di vasi in ceramica con nuovi apparecchi a scarico ridotto;
  • la sostituzione di rubinetteria sanitaria, soffioni doccia e colonne doccia esistenti con nuovi strumenti a limitazione del flusso d'acqua.

Filtraggio dell'acqua potabile

Il credito di imposta per il filtraggio dell'acqua potabile punta a razionalizzare l'utilizzo dell'acqua e a limitare il consumo di contenitori in plastica destinati a contenere acqua potabile. Questo credito è destinato a persone fisiche, a soggetti esercenti attività d'impresa, professioni e arti, ma anche agli enti non commerciali, inclusi quelli del settore terziario e tutti gli enti religiosi civilmente riconosciuti.

La validità del buono va dal 1° gennaio 2021 al 31 dicembre 2022. Inoltre occorre specificare che la cifra stanziata ammonta al 50% della spesa complessiva sostenuta per l'acquisto e l'installazione di sistemi di filtraggio, mineralizzazione, raffreddamento e addizione di anidride carbonica alimentare (E 290), per migliorare così la qualità delle acque destinate al consumo umano ed erogate dagli acquedotti.

Entro la fine di febbraio sarà l'Agenzia delle Entrate a comunicare le modalità di fruizione del bonus. In ogni caso sarà necessario comunicare il tutto all'Enea, in modo che la società possa monitorare l'impatto ambientale delle misure, così come viene fatto per gli interventi di riqualificazione degli edifici.

Inoltre è previsto un fondo per la promozione dell'utilizzo consapevole dell'acqua. Questo, in particolare, sarà destinato a finanziare le campagne informative per gli utenti del servizio idrico integrato. La cifra ammonta a 500mila euro, sia per il 2021 che per il 2022. Anche in questo caso si potrà sapere di più entro la fine di febbraio.

Bonus per la mobilità sostenibile

E' previsto anche un credito di imposta fino a un massimo del 30% per l'acquisto di "cargo bike" con un importo massimo di 2.000 euro. Il bonus è valido anche per cargo bike a pedalata assistita, che potranno essere dotate di un pulsante tramite il quale sarà possibile attivare il motore anche a pedali fermi, con l'unica condizione che il veicolo non superi i 6 km/h con questa modalità.

In totale saranno stanziati circa 2 milioni di euro ed entro la fine del prossimo mese saranno rese note le modalità di fruizione del bonus per tutti i cittadini.

Fondazione per il futuro delle città

Inoltre è stata istituita la "Fondazione per il futuro delle città", che ha lo scopo di promuovere lo sviluppo della ricerca e dell'alta formazione basata sulla promozione d soluzioni prevalentemente vegetali, in modo tale da garantire lo sviluppo del sistema produttivo nazionale, in relazione anche al processo di transizione verde in corso in Italia.

Per garantire l'operatività della fondazione sono previsti fondi per un totale di 5 milioni di euro per l'anno corrente e di altri 3 milioni annui per il 2022 e il 2023. La fondazione infatti sarà chiamata a instaurare stretti rapporti con tutti gli organismi omologhi in Italia e ad assicurare l'apporto di ricercatori, sia italiani che stranieri, operanti presso istituti di eccellenza.

Inoltre nel 2021 verrà avviato un nuovo piano, del tutto sperimentale, di impianto di alberi per la creazione di foreste in aree urbane e periurbane, nelle metropoli. Per questo progetto sono stati stanziati altri 3 milioni di euro.

A partire dal 2021, altri 6 milioni di euro sono destinati alla gestione e al funzionamento dei parchi nazionali. Inoltre sono attesi altri 3 milioni di euro annuali per lo stesso scopo per le aree marine protette e ai parchi sommersi.

Nuovi accordi con il settore della raffinazione e della bioraffinazione

Entro marzo 2021 il Ministero per lo Sviluppo Economico dovrà attivare la procedura per stringere in maniera ufficiale un accordo con il settore della raffinazione e della bioraffinazione. Lo scopo è quello di promuovere lo sviluppo dell'industria e anche dell'occupazione nelle regioni del Mezzogiorno, e tutto ciò attraverso la realizzazione di strategie finalizzate alla transizione energetica e allo sviluppo sostenibile da parte delle aziende che operano nel settore della raffinazione e della bioraffinazione.

Per il momento, però, non è stato specificato a quanto ammonteranno i fondi stanziati per il progetto. Si potrà sapere di più a riguardo con la Legge di Bilancio dei prossimi anni.

Crescita sostenibile

Infine è previsto anche un fondo per la crescita sostenibile, per un valore complessivo pari a 10 milioni di euro annui per il 2021 e il 2022. Le risorse saranno destinate:

  • alla promozione della nascita e dello sviluppo di cooperative attraverso dei finanziamenti agevolati (misura Nuova Marcora);
  • a sostenere l'occupazione attraverso la nascita e lo sviluppo di cooperative sia nell'ambito del lavoro, sia a livello sociale.

Un altro obiettivo del fondo è quello di assicurare la riconversione e la riqualificazione produttiva di quelle aree che attualmente si trovano a dover fronteggiare una crisi industriale. Proprio per questo scopo saranno stanziati altri fondi:

  • 140 milioni di euro per il 2021;
  • 100 milioni di euro per il 2022;
  • 20 milioni di euro per ciascun anno che va dal 2023 al 2026.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

BDSWISS