Conto Ing sospeso? Attenzione potrebbe trattarsi di una truffa online

Conto Ing sospeso? Attenzione potrebbe trattarsi di una truffa online

Nuove truffe ai danni dei risparmiatori di conto corrente arancio della banca online Ing. Ecco come difendersi, tutte le dritte della banca

CONDIVIDI

La banca online Ing ha dedicato una intera sezione del proprio sito web alla questione della sicurezza per i correntisti del conto Arancio. In alcuni casi si verificano truffe che possono partire da un messaggio sul cellulare o da una e-mail con cui si comunica al titolare del conto che lo stesso sarebbe stato sospeso. 

Guadagnare investendo da casa ? Con la rivoluzione del Social Trading vedi chi sono i migliori investitori trader italiani e del mondo e inizi a copiare automaticamente dal loro portafoglio. Conto Demo gratuito per provare senza spendere 1€ Scopri i migliori trader su eToro con un Conto Demo Gratuito >>

Guadagnare investendo da casa ? Con la rivoluzione del Social Trading vedi chi sono i migliori investitori trader italiani e del mondo e inizi a copiare automaticamente dal loro portafoglio. Conto Demo gratuito per provare senza spendere 1€ Scopri i migliori trader su eToro con un Conto Demo Gratuito >>

In quei casi il testo dell'sms riporta queste parole: "il tuo conto Ing è stato sospeso" naturalmente poi, vengono chiesti i dati personali per poter procedere con la riattivazione. Una truffa che rientra nel "phishing", cioè volta ad acquisire con l'inganno determinate informazioni indispensabili per poi sottrarre denaro dai conti privati delle vittime.

Ecco come proteggersi dal phishing ed evitare di essere truffati

Ing, come accennato, ha dedicato una sezione intera del sito web per illustrare ai propri correntisti il funzionamento delle truffe online. Lo stesso ha fatto anche un'altra banca, la Banca Intesa San Paolo, i cui clienti sono stati anch'essi presi di mira dal phishing.

Nella sezione Sicurezza, la Banca Ing spiega che non richiederà mai mediante telefono o e-mail i codici identificativi del cliente e non chiederà mai ai propri clienti di contattare un numero di telefono che differisca da quelli ufficiali reperibili sul sito web della banca stessa.

Per evitare di finire nella rete dei truffatori, la prima cosa cui prestare attenzione quando si ricevono delle e-mail sospette, è anzitutto la forma grammaticale. Le e-mail di phishing, che hanno lo scopo di truffare il destinatario, sono generalmente scritte in modo sgrammaticato, con grossolani errori dovuti a metodi di traduzione da altre lingue non particolarmente accurati.

Il messaggio, (sms o e-mail) che arriva al cliente contiene solitamente la grafica della sua banca, il che ovviamente dovrebbe indurlo a pensare che si tratti di una comunicazione autentica del proprio istituto di credito. Nel testo del messaggio viene data una qualche comunicazione, naturalmente fasulla, che giustificherebbe la richiesta poi di fornire alcune informazioni personali, come numeri e codici di sicurezza, password d'accesso al conto, il tutto come se dall'altra parte ci fosse la banca, mentre in realtà ci sono dei truffatori.

Le truffe ai danni della Banca online Ing

Alcuni clienti della Banca online Ing hanno ricevuto dai truffatori il seguente sms: "il tuo conto ING è stato temporaneamente sospeso. Attiva la nuova app ufficiale ING Italia". Segue un link su cui ovviamente non si deve assolutamente cliccare, che rimanda ad una schermata che riporta un form da compilare coi dati dell'intestatario del conto. 

Un esempio invece di e-mail truffa che alcuni correntisti di Banca online Ing hanno ricevuto è il seguente: "gentile cliente, ti confermiamo che abbiamo provveduto la tua Carta dei Codici Operativi come da te richiesto. Se non hai richiesto questo si prega di seguire i passaggi attraverso il nostro sito." Ed anche in questo caso segue un link che rimanda al sito web dei truffatori, dove vengono richiesti dati personali di accesso al conto. Inserire i dati nel form che si apre cliccando sul link presente in una e-mail di phishing significa dare quei dati direttamente ai truffatori.

Cosa bisogna fare in caso di dubbio?

Una primissima cosa da fare per iniziare a togliersi qualche dubbio è controllare l'indirizzo del sito web per capire se si tratta davvero di quello della banca. Nel caso del sito originale noteremo che la dicitura iniziale sarà https e non http. Se dopo http manca la "s" è decisamente meglio non fidarsi e lasciare il sito.

Inoltre sul sito di banca Ing, sempre all'interno della barra degli indirizzi, appare il simbolino del lucchetto chiuso. Cliccando su questo simbolo si possono visualizzare le caratteristiche di sicurezza della pagina ed anche il certificato digitale installato su di essa. 

Infine, la Banca Ing comunica ai clienti di contattare il numero 800.71.72.73, oppure il call center al numero 848.852.852, tutte le volte che si ricevono delle comunicazioni sospette in merito alle quali si desidera avere delucidazioni e chiarimenti.

iQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro