Moderna, Giappone sospende la somministrazione di 1,6 milioni di dosi per la presenza di "sostanze estranee"

Moderna, Giappone sospende la somministrazione di 1,6 milioni di dosi per la presenza di

Il governo giapponese ha deciso di sospendere la somministrazione di 3 lotti del vaccino di Moderna. Ora si attende l'avvio di un'indagine interna

Dal Giappone arriva la notizia della sospensione precauzionale della somministrazione di circa 1,6 milioni di dosi del vaccino di Moderna prodotto in Spagna, in seguito alla segnalazione da parte di diversi centri vaccinali del Paese della presenza di "sostanze estranee" nelle fiale.

Intanto la Takeda, ossia la casa farmaceutica responsabile della vendita e della distribuzione del farmaco, ha affermate di essersi già mobilitata per garantire che la sospensione delle dosi non vada a causare un rallentamento della campagna vaccinale dell'intero Giappone.

Il motivo della sospensione delle dosi Moderna in Giappone

Le autorità sanitarie giapponesi hanno già annunciato la sospensione in via del tutto precauzionale di almeno 3 lotti di dosi del vaccino prodotto da Moderna dopo aver ricevuto diverse segnalazioni da parte di più centri vaccinali del Paese sulla presenza di sostanze estranee nelle fiale acquistate.

Più in dettaglio, la segnalazione è stata fatta da 8 hub vaccinali presenti in 5 prefetture del Paese, ossia: Aichi, Gifu, Saitama, Tokyo e Ibaraki. Secondo quanto affermato dai ricercatori, le fiale contaminate, in cui è stata quindi rinvenuta la presenza di queste sostanze estranee, sarebbero 39.

I ministeri del Lavoro, della Salute e del Welfare di Tokyo hanno specificato che per il momento non sono ancora arrivate segnalazioni riguardo problemi di sicurezza con le fiale in questione. Moderna intanto ha fatto sapere che a breve verrà avviata un'indagine interna per scoprire cosa sia successo nello stabilimento.

Inoltre la casa farmaceutica che si occupa della distribuzione delle dosi in Giappone ha richiesto al ministero di bloccarne momentaneamente la somministrazione. Nello specifico i lotti incriminati sono il numero 3004667, 3004734 e 3004956.

Per il momento tutte le dosi rimanenti di questi lotti non saranno somministrate e il ministero ha invitato tutti i medici a non esitare a sospendere la vaccinazione nel caso venissero osservate anomalie nelle fiale. Ora, però, la preoccupazione maggiore è che la campagna vaccinale nel Paese possa subire dei forti rallentamenti, dato che questa si basa esclusivamente su 3 vaccini sviluppati all'estero.

Qual è la situazione epidemiologica in Giappone?

Per il momento la campagna di vaccinazione giapponese sembra procedere abbastanza bene, con circa il 54% della popolazione che ha già ricevuto almeno una dose e il 43% che ha completato il ciclo vaccinale. La preoccupazione maggiore, ora, riguarda il nuovo aumento dei contagi che si sta verificando all'interno del Paese, per il quale il premier Yoshihide Suga ha deciso di estendere lo stato di emergenza ad altre otto prefetture (già in vigore in altre 13 regioni del Paese).

Tutto ciò implica il ritorno di alcune misure restrittive adottate precedentemente, come la chiusura anticipata di bar e ristoranti, e l'imposizione di limiti per la capienza massima nei centri commerciali. Inoltre, al fine di ridurre al minimo gli spostamenti, il premier ha anche sollecitato un ritorno allo smartworking.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

BDSWISS