Facebook chiude in rialzo e tocca nuovi massimi storici: ecco la novità che ha spinto Facebook così in alto

Facebook chiude in rialzo e tocca nuovi massimi storici: ecco la novità che ha spinto Facebook così in alto

Ieri il gruppo Facebook ha chiuso nuovamente in rialzo, con un progresso di 2 punti percentuali. Ma vediamo a cosa è dovuto tutto ciò

Dopo aver chiuso l'ultima giornata della scorsa ottava con un progresso di circa 2 punti percentuali, anche ieri Facebook ha chiuso la nuova seduta in rialzo, segnando lo stesso aumento percentuale.

Titolo Facebook: nuovi massimi storici

Il titolo ha concluso gli scambi a 380,66 dollari, con un rialzo del 2,15% e più di 13 milioni di azioni trattate. Valori comunque al di sotto della media dell'ultimo mese. Bisogna però sottolineare che nell'intraday Facebook ha raggiunto il valore di 381,49 dollari, segnando così un nuovo massimo storico.

Anche se il rialzo segnato ieri può sembrare di poco conto, in realtà, se lo si considera su un titolo di 1,1 trilioni di dollari, si può notare che ciò ha comportato 25 miliardi di dollari di capitalizzazione di mercato extra.

Per avere un'idea nel settore di riferimento, se Snap si muovesse così tanto in un solo giorno, le sue azioni aumenterebbero di circa il 17%.

Come ha fatto Facebook?

Come anunciato recentemente da Rick Smith sulle pagine di The Motley Fool, molto presto Facebook inizierà a chiedere l'età agli utenti su Instagram (Facebook infatti possiede Instagram). La società ha poi spiegato che si tratta di una necessità, in quanto "sapere quanti anni hanno tutti su Instagram" permetterà di "creare nuove funzionalità di sicurezza per i giovani".

Perché Facebook chiederà l'età d'ora in poi?

Facebook ha poi aggiunto che conoscere l'età degli utenti permetterà di fornire maggiore sicurezza agli utenti stessi poiché, ad esempio, verrà impedito agli adulti di inviare messaggi a minori che non seguono, oppure verrà limitata la pubblicità ai ragazzi di età inferiore ai 18 anni e, in questo senso, verranno mostrati annunci sempre pertinenti all'età dell'utente.

Di questi 3 punti, in realtà, solo i primi due sembrano essere stati ideati per la tutela effettiva dei ragazzi, mentre il terzo sembra più che altro orientato a generare delle vendite migliori di annunci per Facebook. Ad ogni modo, indipendentemente dalle motivazioni fornite dalla società, l'annuncio di Facebook significa indubbiamente più dati per lo stesso, e ciò contribuirà a renderlo sempre più prezioso.

Il gruppo, guidato e fondato da Zuckerberg, ha poi specificato che verrà richiesta l'età solamente agli utenti che non l'hanno già fornita prima. Se qualcuno non volesse fornire queste informazioni, il team ha fatto sapere che verranno chieste in continuazione fino a quando l'utente non le fornirà, oppure non sarà più possibile utilizzare l'applicazione.

Come scoprire se qualcuno comunica un'età falsa?

Come già successo in passato, Facebook sa che molti utenti potrebbero fornire un'età falsa, ma in questo caso non è detto che una mossa simile funzioni davvero. In futuro la società si servirà dell'intelligenza artificiale per stimare in che modo le persone più anziane si basano realmente sul contenuto dei loro post.

Quindi, per non pensare di poter battere in astuzia Facebook, "se qualcuno ci dice che ha più di una certa età e la nostra tecnologia ci dice diversamente, gli mostreremo un menu di opzioni per verificare la sua età".

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

BDSWISS