Transizione ecologica, Piccitto: “se ben gestita, 15 milioni di posti di lavoro entro il 2050”

La transizione ecologica, che ci porterebbe verso un futuro a emissioni zero, se ben gestita potrebbe portare alla creazione di oltre 15 milioni di nuovi posti di lavoro già entro il 2050.

Questa è una delle evidenze emerse dal nuovo report pubblicato da McKinsey & Company, il cui titolo è “The net-zero transition: What it would cost, what it could bring“. Questo nuovo studio analizza quindi la portata dei cambiamenti economici necessari a raggiungere l’obiettivo delle zero emissioni nette, prendendo in considerazione 69 Paesi e i settori responsabili della produzione di ben oltre l’85% delle emissioni totali.

Il report utilizza l’ipotetico scenario Net Zero 2050 del Network for greening the financial system (Ngfs) come punto di partenza. Marco Piccitto, senior partner McKinsey e Director del McKinsey Global Institute, ha affermato: “una transizione ordinata non solo scongiurerebbe gli effetti più gravi del cambiamento climatico, ma porterebbe con sè dei considerevoli benefici”.

A tal proposito, Piccitto ha fatto riferimento anche a diverse problematiche riscontrabili a livello globale. “Per esempio, risulterebbe non solo in minori costi dell’energia, ma anche in una più attenta conservazione del capitale naturale e in migliori condizioni di salute per la popolazione mondiale“.

“E l’unità d’intenti e d’azioni necessaria per questa transizione è di buon auspicio anche per risolvere altre problematiche di natura globale. Allo stesso tempo, i rischi a breve termine di una transizione mal gestita o, peggio, non gestita, non possono essere ignorati”.

Secondo l’esperto, quindi, il fatto di riuscire o meno a raggiungere l’obiettivo delle zero emissioni nette dipenderà in buona parte dall’impegno che imprese, istituzioni, governi e singoli individui di tutto il mondo decideranno di applicare.

Inoltre richiederà una buona dose di coraggio, per attuare un cambio di mentalità a 360 gradi, che comprenderà anche il modo in cui ci si prepara ad affrontare le incertezze e i rischi nel breve termine, ad agire in maniera più decisa, facendo fronte comune ed utilizzando l’ingegno, oltre ovviamente ad ampliare gli orizzonti di pianificazione e soprattutto di investimento.

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Le ultime news su News

Copia dai migliori traders

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.