Eni scopre nuovo giacimento di gas al largo di Cipro

piattaforma di gas naturale sul mare vista dall'alto

È stato fatto ieri l’annuncio ufficiale con cui Eni fa sapere di aver scoperto al largo di Cipro un importante giacimento di gas naturale. Si tratta di una riserva molto grande che si trova a 160 chilometri di distanza dalle coste dell’isola.

Per l’esattezza la riserva di gas naturale appena scoperta da Eni si trova nel cosiddetto “Blocco 6” ed è stata individuata dal pozzo esplorativo Cronos-1 a una profondità di 2.287 metri sotto il livello del mare.

Si tratta del secondo pozzo situato nel Blocco 6, il primo era il Calypso-1 del 2018, e il quarto tra quelli che sono stati installati dalla compagnia italiana a Cipro. Quanto alla proprietà del pozzo, per il 50% è di Eni mentre per la restante parte è della compagnia francese TotalEnergies.

In una nota Eni ha fatto sapere che attraverso le indagini preliminari condotte su questo giacimento di gas naturale, le quantità di materia prima dovrebbero aggirarsi intorno ai 2,5 TCF (trilioni di piedi cubi), pari a circa 70 miliardi di metri cubi. Inoltre ulteriori studi geologici e geofisici potrebbero rivelare la presenza di quantità persino maggiori.

La scoperta di Eni di questo enorme giacimento di gas naturale assume un’importanza ancora maggiore in questo particolare contesto, con il tentativo dei governi europei di rendersi il più possibile indipendenti dalle forniture di gas dalla Russia.

Il gas naturale proveniente da questo giacimento sarebbe particolarmente importante soprattutto per l’Italia, infatti è in fase di costruzione il gasdotto East-Med, che percorrerà i 1.900 chilometri che separano il Bacino Levantino, che si trova nel Mediterraneo orientale tra Cipro, Egitto ed Israele, con la Grecia. Poi dalla Grecia il gas dovrebbe raggiungere l’Italia attraverso il nuovo gasdotto Tap che approda a Melendugno in provincia di Lecce.

Non si può tuttavia trascurare un altro aspetto, cioè la situazione geopolitica di Cipro e gli interessi che la Turchia ha in quell’area. Infatti già in passato ci sono stati degli attriti con l’Italia proprio per lo sfruttamento dei giacimenti di gas naturale situati in quella zona.

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Le ultime news su News

Copia dai migliori traders

Trading senza commissioni

Trading senza commissioni

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.