Per Bank of America la recessione USA sarà molto leggera

L’amministratore delegato di Bank of America, Brian Moynihan, ha dichiarato di ritenere che la recessione statunitense sarà molto lieve, con i consumi che dovrebbero rimanere in buona salute.

Tutto fa pensare a una recessione relativamente lieve, vista la quantità di stimoli che sono stati erogati alla gente e il denaro che è rimasto“, ha detto Moynihan durante la telefonata sugli utili trimestrali della banca. “In fin dei conti, non vediamo l’attività dei consumatori rallentare a un ritmo tale da indicarlo, ma vediamo che i clienti commerciali sono più attenti”.

Moynihan ha poi precisato come il team di ricerca di Bank of America sia stato coerente nel prevedere una lieve flessione alla luce degli aggressivi rialzi dei tassi della Federal Reserve. Ricordiamo che la banca centrale ha aumentato il tasso di interesse di riferimento nove volte nell’ultimo anno, per un totale di 4,75 punti percentuali, per quello che è stato il ritmo di inasprimento più rapido dall’inizio degli anni Ottanta.

bank of america

Alla luce delle proprie valutazioni, la banca prevede ora una contrazione annua del PIL compresa tra mezzo e un punto percentuale nei prossimi tre trimestri, prima di tornare a una crescita positiva. Il rimbalzo sarà anche merito della tenuta del mercato del lavoro e dell’allentamento dell’inflazione salariale, che dovrebbero impedire all’economia di scivolare in una profonda recessione.

Il fatto che il tasso di disoccupazione sia ancora al 3,5% [indica] la piena occupazione. E poi la crescita dei salari sta rallentando e si sta ribaltando“, ha detto. “Quindi i segnali di inflazione si stanno abbassando e sono ancora presenti, ma questo si traduce in un’attività relativamente buona, quindi vediamo una leggera recessione e vedremo cosa succederà”.

Ricordiamo infine che ieri Bank of America ha comunicato che gli utili e i ricavi del primo trimestre hanno superato le aspettative proprio grazie all’aumento dei tassi di interesse. L’istituto di credito ha dichiarato che il suo reddito netto da interessi – ciò quello che guadagna con i prestiti meno ciò che paga ai clienti come interessi creditori – è salito del 25% a 14,4 miliardi di dollari nel trimestre rispetto all’anno precedente.

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Rimani aggiornato con le ultime novità su investimenti e trading!

Telegram
Regolamentazione Trading
Non perdere le nostre notizie! Vuoi essere avvisat* quando pubblichiamo un nuovo articolo? No Sì, certo