Forza Italia, 50 parlamentari pronti a lasciare Silvio Berlusconi

Forza Italia, 50 parlamentari pronti a lasciare Silvio Berlusconi

25 deputati e 15 senatori di Forza Italia in attesa di un segnale da Mara Carfagna che annuncia: nessun accordo con Renzi

CONDIVIDI

Recentemente Silvio Berlusconi ha dichiarato di voler far rinascere Forza Italia, ma al momento i numeri non sono esattamente rassicuranti, e anche osservando gli ultimi sondaggi politici, è facile rendersi conto che il partito del cavaliere non sta rinascendo affatto.

Conto Demo gratuito per provare il trading online ?  – Il broker 24Option sponsor della Juventus FC offre conto demo gratuito e illimitato, puoi investire e guadagnare da casa con un PC o Smartphone con la massima comodità e senza rischio di perdere soldi… Vai al sito >>

Conto Demo gratuito per provare il trading online ?  – Il broker 24Option sponsor della Juventus FC offre conto demo gratuito e illimitato, puoi investire e guadagnare da casa con un PC o Smartphone con la massima comodità e senza rischio di perdere soldi… Vai al sito >>

La situazione però potrebbe ulteriormente peggiorare per Berlusconi, visto che alcuni azzurri stanno valutando in che modo correre ai ripari. Sarebbero una cinquantina quelli che da un momento all'altro potrebbero abbandonare la nave che affonda, cercando fortuna in altri partiti di centro destra, come Fratelli d'Italia o la Lega.

Il grosso dei parlamentari forzisti però resterebbe fedele a Silvio Berlusconi, nonostante il fatto che se pur il partito dovesse sopravvivere al prossimo confronto elettorale, se ne tornerebbero a casa. Ed è stato lo stesso Berlusconi a sottolineare questa non esattamente allettante prospettiva. "Dovete baciarvi i gomiti per quanto siete fortunati. Se fossimo andati a votare, in Parlamento di voi non ne sarebbe ritornato uno".

Secondo quanto riportato da La Stampa, da giorni si sentirebbe parlare di gruppi parlamentari autonomi, nutriti in parte dai più insofferenti nei confronti di Salvini, con la benedizione di Gianni Letta, o almeno così si dice. Si conterebbero circa 25 deputati e 15 senatori, più del seguito dello stesso Matteo Renzi.

Anche loro, come i renziani, sperano che non si torni a votare prima del 2023, e presumibilmente forniranno a questo governo l'appoggio necessario qualora ce ne fosse bisogno. Ancora però i dissidenti di Forza Italia restano in posizione attendista, aspettando che la figura in grado di rappresentarli, Mara Carfagna, dia il segnale di passare all'azione.

La Carfagna esclude però trattative con Renzi, e asserisce di non avere alcuna intenzione di preparare un'altra scissione come quella di Giovanni Toti. Al tempo stesso però dimostra di non essere disposta a lasciare che Forza Italia resti sotto il comando degli attuali Antonio Tajani, Anna Maria Bernini, Mariastella Gelmini e Niccolò Ghedini.

iQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro