Skin ADV

Brexit, l'accordo c'è. Grande soddisfazione per Boris Johnson ma anche per l'Ue

Brexit, l'accordo c'è. Grande soddisfazione per Boris Johnson ma anche per l'Ue

L'accordo per la Brexit è stato raggiunto, ma gli unionisti irlandesi non lo voteranno. Soddisfatto invece il governo di Dublino

Sembra proprio che finalmente un accordo sia stato raggiunto alla fine sull'uscita del Regno Unito dall'Unione Europea, e a diffondere la notizia, esprimendo grande soddisfazione via social, gli stessi protagonisti della trattativa, Boris Johnson da una parte e Jean-Claude Junker dall'altra. Meno entusiasta del risultato invece la leader del partito unionista irlandese.

Conto Demo gratuito sul miglior broker Trading ?  – Il broker 24Option sponsor della Juventus FC offre conto demo gratuito e illimitato – 100.000€ virtuali saranno accreditati subito sul tuo demo… Provo demo gratuita >>

Conto Demo gratuito sul miglior broker Trading ?  – Il broker 24Option sponsor della Juventus FC offre conto demo gratuito e illimitato – 100.000€ virtuali saranno accreditati subito sul tuo demo… Provo demo gratuita >>

Le trattative sono durate tutta la notte, ma alla fine la fumata è bianca questa volta. Lo rende noto il portavoce della Commissione Ue, mentre Johnson esulta su Twitter scrivendo: "Questo nuovo accordo ci permette di riprendere il controllo delle nostre leggi, dei nostri confini, dei nostri soldi e del commercio senza interferenze e stabilisce un nuovo rapporto con l'Eu basato sul libero commercio e su cooperazione amichevole."

Poi ancora: "questo è un accordo che ci permette di realizzare la Brexit e di uscire dall'Ue nel tempo di due settimane". Il messaggio si chiude con gli hashtag get brexit done e take back control. Un risultato, quello appena raggiunto, che era stato preannunciato da Angela Merkel, la quale aveva fatto sapere che negli ultimi tempi c'era stato un "chiaro movimento" in avanti e che era stata imboccata "una migliore strada".

La mozione da presentare alla Camera dei Comuni

Sarà presentata direttamente sabato mattina alla Camera dei Comuni la mozione con cui si chiede ai deputati di votare alternativamente per il "deal" raggiunto oggi sulla Brexit, o per un "no deal". Ad annunciarlo il ministro dei rapporti con il Parlamento, Jacob Rees-Mogg in aula. Le operazioni di voto, fa sapere il ministro, saranno precedute da un dibattito.

Tuttavia, le opposizioni osteggiano la formulazione della mozione in quanto decise a far valere la legge anti-no deal. Le borse europee però hanno reagito positivamente e la sterlina ha subito preso il volo. Gli effetti sull'economia europea potrebbero essere infatti positivi, e lo stesso capo negoziatore dell'Ue, Michel Barnier, si è mostrato ottimista.

"Abbiamo ottenuto insieme un risultato giusto e ragionevole" ha detto Barnier, spiegando che buona parte dell'accordo è uguale a quello presentato nel 2018, ma anche che "c'è qualche elemento nuovo sull'isola d'Irlanda e sulla dichiarazione politica". Per tali ragioni, spiega Barnier, i margini perché possa essere "sostenuto e ratificato" ci sono sicuramente anche nelle appena due settimane che precedono il 31 ottobre.

La posizione della leader del Democratic Unionist Party

La leader del partito unionista irlandese (Dup) Arlene Foster e il suo vice Nigel Dodds hanno già fatto sapere che non hanno intenzione di dare il proprio supporto all'accordo raggiunto con l'Europa. Il punto è che se dovesse davvero mancare il sostegno del Dup, il parlamento inglese difficilmente riuscirà ad approvare qualsiasi accordo.

La leader del Dup e il suo vice fanno sapere intanto che continueranno a lavorare per il raggiungimento di un accordo "ragionevole". Hanno comunque confermato la propria posizione anche dopo la diffusione della notizia dell'accordo raggiunto con l'Eu.

Non potevano che essere negative anche le reazioni dell'opposizione dei maggiori partiti di opposizione. Il leader dei Labour Jeremy Corbin ha dichiarato: "l'accordo negoziato dal primo ministro sembra persino peggiore di quello di Theresa May, già rigettato a valanga dal Parlamento". Ha spiegato poi: "queste proposte rischiano di innescare una corsa al ribasso su diritti e tutele" e ha aggiunto ancora che si tratta di "un accordo-svendita che non riunifica il Paese e che deve essere respinto".

E spunta di nuovo fuori la balzana idea di rifare il referendum. "Il miglior modo di risolvere la Brexit è ora ridare la parola al popolo per un voto finale" ha detto Jeremy Corbin.

Non dispiace invece l'accordo al governo di Dublino, col primo ministro irlandese Leo Varadkar che su Twitter lo definisce: "un buon accordo per l'Irlanda come per l'Irlanda del Nord" in quanto, secondo il premier, è in grado di garantire che "non vi sarà un confine fisico" tra l'Irlanda di Dublino e quella di Belfast e che "il mercato unico sarà protetto".

Anche il ministro degli Esteri e vicepremier irlandese, Simon Coveney, ha commentato positivamente l'accordo raggiunto da Johnson con l'Eu, definendo la svolta di oggi come "un significativo passo in avanti" ma ha anche invitato ad un approccio cauto almeno fino alla ratifica da parte del Parlamento inglese, che è tutto fuorché scontata.

iQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro