Pnrr, il nuovo decreto MiTE punta sullo sviluppo dell’idrogeno verde in Italia

Per sviluppare il mercato dell’idrogeno verde, l’Italia dovrà installare almeno 5 GW di capacità di elettrolisi entro la fine del decennio. Si tratta di un percorso ancora tutto da compiere e che richiede le giuste tecnologie e una serie di competenze che permetteranno di ritagliarsi un ruolo di tutto riguardo a livello internazionale.

Per essere sicuri di raggiungere questo ambizioso obiettivo, il governo italiano ha deciso di inserire l’idrogeno come una delle linee d’azione chiave all’interno del Piano nazionale di Ripresa e Resilienza, il Pnrr. Sono stati infatti stanziati circa 3,64 miliardi di euro in totale per il vettore, e di questi, 450 milioni sono stati assegnati attraverso un nuovo decreto del MiTE dedicato al finanziamento di progetti impiantistici e firmato proprio in questi giorni dal ministro Roberto Cingolani.

Il provvedimento, che permette l’attuazione all’Investimento 5.2 (M2C2) del Pnrr, punta alla realizzazione (già entro la metà del 2026) di una filiera tutta italiana con stabilimenti che producano elettrolizzatori e componenti associati. L’obiettivo finale, poi, è quello di installare una potenza complessiva annua di almeno 1 GW.

Attualmente il decreto è ancora in fase di registrazione presso la Corte dei Conti, e suddivide le risorse stanziate tra le diverse linee progettuali, infatti:

  • 250 milioni di euro sono stati assegnati a progetti IPCEI, ossia Importanti Progetti di Comune Interesse Europeo, per la realizzazione di impianti per la produzione di elettrolizzatori;
  • 200 milioni di euro sono stati invece assegnati ad altri progetti che verranno selezionati in seguito attraverso avvisi pubblici di prossima pubblicazione, finalizzati alla realizzazione di impianti per la produzione di macchinari per l’elettrolisi e per la realizzazione di impianti per la produzione di componenti a servizio degli elettrolizzatori stessi.

Nella nota diffusa dal ministero infatti leggiamo: “attraverso questo investimento l’Italia punta a espandere il mercato dell’idrogeno e a diventare leader in un settore altamente innovativo, creando così nuove competenze e dei nuovi posti di lavoro”.

Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
Capex.com
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Piattaforma di proprietà e MetaTrader 5
Licenza: CySEC
Strumenti Intregrati
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Ambiente

Inizia a fare trade con Avatrade X

Avviso di rischio - Il 67-77% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.