Come realizzare un campo fotovoltaico e quanto costa

Pannelli fotovoltaici

L’industria dei campi fotovoltaici ha stabilito dei nuovi record di capacità nel 2021. In quel periodo i campi fotovoltaici stavano crescendo più rapidamente di altre fonti di energia, compresi i parchi eolici e i progetti di gas naturale. Nel 2020 l’industria dei pannelli solari è stata il primo tipo di nuova utility.

Per quanto riguarda i costi per l’installazione dei pannelli solari, si registra un calo costante in quanto la tecnologia tende a rimanere al passo con la tendenza a investire in progetti di energia solare. D’altra parte i campi fotovoltaici sono privi di emissioni di CO2 e questo rende l’energia solare una scelta decisamente molto popolare in un Paese che punta sulla green economy.

I diversi tipi di campi fotovoltaici

Se stai pensando che avviare un campo fotovoltaico potrebbe essere un buon investimento non ti sbagli, ma cosa serve esattamente per farlo? Ecco le informazioni necessarie per mettere in cantiere questo progetto.

Diciamo prima di tutto che esistono sostanzialmente due tipi di campo fotovoltaici:

  • centrali solari fotovoltaiche: hanno un certo numero di pannelli solari che vengono installati insieme per creare una centrale elettrica
  • CSP Concentrated Solar Projects: in questo caso i pannelli solari vengono utilizzati come moduli solari per incanalare l’energia solare in un collettore centrale per immagazzinare l’energia.

Sia nel primo che nel secondo caso l’energia solare è collegata tramite una linea elettrica a una power grid di proprietà di una società di servizi. Sulla base di queste definizioni abbiamo due tipologie di campi fotovoltaici, ciascuna delle quali differisce dall’altra per dimensioni e scopo.

Quanto alle differenze tra la prima tipologia e la seconda, sotto l’aspetto della tecnologia utilizzata sostanzialmente non ci sono grandi distinzioni da fare. Ma parliamo di progetti su scala completamente diversa, ed è questo che fa la differenza.

Sebbene esistano dei CSP negli Stati Uniti e in molti Paesi UE, il progetto solare più comune utilizza pannelli solari per trasferire energia in una centrale fotovoltaica. Le strutture fotovoltaiche utilizzano quindi linee elettriche per collegare impianti fotovoltaici su scala industriale.

Questi impianti hanno una potenza di almeno 1 megawatt ma sono in genere molto più grandi e producono fino a 2.000 megawatt, e ad oggi ci sono oltre 10 mila campi fotovoltaici su scala industriale negli Stati Uniti.

Difficile tuttavia avere un’idea precisa di quanta energia producano impianti di questo tipo, ma diciamo che un impianto industriale in grado di produrre 1 megawatt di energia può alimentare fino a 200 famiglie.

Una delle varie tipologie di impianti fotovoltaici che possono essere realizzato rientra in quelli che vengono comunemente definiti Campi fotovoltaici comunitari.

Un campo fotovoltaico comunitario è in grado di produrre da 100 kilowatt a 5 megawatt di energia. Si tratta di un progetto di grande portata che producono quell’energia che viene venduta alle centrali elettriche, e che permettono agli abbonati della compagnia energetica che riceve la fornitura di ottenere uno sconto adeguato sulla spesa per i consumi in bolletta.

Quanto costa realizzare un campo fotovoltaico

Per chi è interessato soprattutto alla possibilità di ottenere uno sconto sulle bollette dell’energia elettrica è chiaro che la realizzazione di un impianto fotovoltaico comunitario può risultare piuttosto allettante.

Ma quali sono effettivamente i costi che è necessario sostenere per poter realizzare un progetto di questo tipo? Mediamente i costi per la costruzione di un impianto fotovoltaico con pannelli solari poggiati a terra ha un costo che varia da 0,82 a 1,36 dollari per watt negli Usa, il che significa che la spesa stimata per la realizzazione di un’infrastruttura per un impianto fotovoltaico da 1 MW va da un minimo di 820 mila ad un massimo di 1,36 milioni di dollari. I prezzi nei Paesi Ue variano molto tra uno e l’altro, e comunque specie in questo particolare contesto vi sono continue fluttuazioni dei prezzi.

Si tratta di una stima che tiene conto anche dei costi di costruzione degli impianti, e non solo dell’installazione dei pannelli solari, nonché degli altri costi accessori. In ogni caso bisogna tenere conto del fatto che le spese possono variare notevolmente in base al Paese in cui si va a realizzare l’impianto e alle eventuali agevolazioni introdotte in un dato periodo.

Restando sempre nell’ambito dell’approfondimento circa i costi per la realizzazione di un impianto fotovoltaico, non dimentichiamo che mediamente fare l’installazione su un tetto costa molto più che su un terreno. Si parla di circa 2,84 euro per watt, e a fronte di costi maggiori si ha anche una produzione di energia minore, ma sono comunque in molti a decidere di realizzare comunque l’impianto sul proprio tetto semplicemente perché non tutti hanno la disponibilità di terreni per la realizzazione di impianti anche più grandi.

Cosa fare per realizzare un campo fotovoltaico in 15 passi

Possiamo sicuramente affermare che i campi fotovoltaici sono un investimento redditizio, in quanto permette di ottenere un guadagno attraverso i contratti di acquisto di energia. Con il PPA, i campi fotovoltaici che forniscono energia all’ingrosso guadagnavano mediamente intorno ai 24 dollari per Megawatt.

Chiarito che realizzare un impianto fotovoltaico, specialmente oggi che siamo nel pieno di una crisi energetica senza precedenti, è un investimento vantaggioso, cerchiamo di capire esattamente cosa bisogna fare per realizzare il progetto. Abbiamo suddiviso l’iter da seguire in 15 semplici passaggi che elenchiamo di seguito.

  1. Conosci il settore di riferimento: prima di tutto puoi fare una rapida ricerca su internet per dare un’occhiata ai siti web delle compagnie elettriche per vedere qual è la percentuale di energia che sono disposte ad acquistare da fonti alternative. Se le compagnie nel tuo territorio stanno già acquistando energia da un campo fotovoltaico, allora la tua ricrca non sarà stata vana, dovrai solo imparare quali sono i principali attori nelle varie zone.
    È chiaro che per avere successo nel percorrere questa strada dovrai prima di tutto essere in grado di negoziare con le società dei servizi. Quando espandi la tua ricerca ad altri progetti ad energia solare potresti imparare i nomi di aziende che hanno superato con successo questo passaggio.
  2. Conosci il tuo mercato di riferimento: i mercati comprendono aziende elettriche residenziali sia rurali che urbane. Alcuni progetti per l’energia solare sono specifici per istituzioni educative o grandi industrie specifiche.
  3. Scegli il nome commerciale: quando scegli il nome commerciale con cui indicare il tuo progetto nel campo dell’energia solare, conviene prima di tutto verificare che il dominio web per quel determinato nome sia disponibile, e che non esista già un’altra attività con lo stesso nome che hai scelto per la tua.
  4. Crea il tuo business plan: visto che dovrai creare il tuo business plan, o piano aziendale, vediamo quali sono gli obiettivi da inserire. Gli elementi chiave sono i seguenti:
    – Informazioni sull’azienda: gestione
    – Riepilogo esecutivo: come sarà organizzata e gestita l’azienda
    – Clienti: residenziali, aziendali o educativi
    – Piani per la gestione dalla costruzione alle operazioni
    – Piani operativi a lungo termine, compresi manutenzione, dati finanziari ed espansione.
  5. Brandizza l’attività: è molto importante realizzare un sito web che sia il riferimento di chi entra in contatto con essa, in sostanza sarà il biglietto da visita della tua società. Inoltre vista la sempre più ingombrante importanza dei social network lancia la presenza della società anche sui social media più importanti.
  6. Stabilisci la forma giuridica della tua società: in questo campo è necessario rivolgersi ad una figura professionale, un commercialista che non solo abbia esperienza, ma ne abbia in campo societario. Si tratta di un aspetto di prioritaria importanza al quale conviene dedicare magari tempo ed energie extra.
  7. Apri un conto bancario aziendale: se costituisci una società hai anche bisogno di un conto corrente aziendale che sia separato dal tuo conto bancario personale, e ti servirà una carta di credito aziendale.
  8. Trova il posto giusto per il campo fotovoltaico: sappiamo che per i progetti per l’utilizzo dell’energia solare occorre un’ampia superficie, ma non solo, è chiaro che deve essere ben esposta alla luce solare e adatta ad attività di questo tipo, cosa che dipende dalla destinazione d’uso dei terreni di quell’area.
  9. Stipula una polizza assicurativa: come per la maggior parte delle aziende, anche per la tua avrai bisogno di una polizza assicurativa che copra in particolare sotto l’aspetto della responsabilità civile. Tra le opzioni da prendere in considerazione anche la formula “tutti i rischi” proposta generalmente da tutte le compagnie in Italia. Ci sono poi polizze assicurative specifiche che andranno eventualmente a coprire i danni derivanti da guasti delle apparecchiature e interruzione dell’attività per problemi tecnici di varia natura.
  10. Acquista l’attrezzatura necessaria: Per la realizzazione di un campo fotovoltaico è necessario acquistare tutti i componenti del caso, che dovrebbero essere a grossi capi i seguenti:
    – Pannelli solari
    – Invertitori
    – Scaffalature (servono per sostenere i pannelli, ed è possibile anche optare per quelle che si flettono in modo tale da seguire la luce del sole)
    – Sistema di monitoraggio delle prestazioni, la cui funzione è quella di inviare un avviso in caso di malfunzionamento del sistema
    – Apparecchiature per il collegamento alla rete elettrica
    – Attrezzature per la conservazione della batteria
    – Sistema di sicurezza della proprietà
    – Manutenzione del terreno, fondamentale per evitare che all’interno del campo fotovoltaico cresca della vegetazione in grado di compromettere il livello di sicurezza dell’impianto o il suo livello di efficienza.
  11. Assumi il personale qualificato: per ottenere i migliori risultati avrai bisogno di alcune figure professionali di riferimento che siano in grado di offrirti l’assistenza tecnica necessaria a far fronte a tutte le problematiche correlate a questo genere di attività. In particolare avrai bisogno delle seguenti figure:
    – Installatori
    – Professionisti della manutenzione
    – Responsabili del servizio clienti
  12. Assicurati il massimo livello di sicurezza: per completare il campo fotovoltaico non basta aver piazzato tutti i pannelli solari e aver collegato l’impianto alla rete elettrica, occorre anche piazzare delle recinzioni adeguate a garantire la sicurezza del luogo. E dal momento che i campi fotovoltaici si trovano generalmente ampiamente al di fuori dei centri abitati, di solito occorre ingaggiare imprese di security che facciano la guardia al tuo impianto.
  13. Promuovi il tuo progetto: se hai intenzione di fare le cose in grande puoi cavalcare l’onda della svolta green e ottenere facilmente l’attenzione mediatica locale, in questo caso puoi organizzare un evento per presentare il tuo progetto.
  14. Prepara un piano di marketing: ecco quali dovrebbero essere gli elementi chiave del tuo piano di marketing:
    – strategia di vendita
    – analisi di mercato
    – pianificazione a lungo termine
    – coinvolgimento del settore (partecipa a convegni sull’energia solare locali e nazionali)
  15. Espandi la tua attività: se stai pensando in grande puoi reinvestire gli utili per acquistare altri terreni ed estendere il campo fotovoltaico per produrre ancor più energia ed aumentare le entrate.

Le ultime news su News

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.