Vaccini e Covid: i numeri ufficiali dicono che a luglio 2021 ci sono stati molti più decessi di un anno fa

Vaccini e Covid: i numeri ufficiali dicono che a luglio 2021 ci sono stati molti più decessi di un anno fa

Un anno fa meno restrizioni, meno mascherine e niente vaccini eppure i numeri dicono che avevamo anche meno contagi e soprattutto meno decessi

Un dato che sicuramente merita di essere approfondito e meglio compreso, ma che al momento sembra affermare in modo piuttosto chiaro che nonostante sia stato completamente vaccinato oltre il 50% della popolazione il virus non solo continua a circolare ma anche a provocare decessi.

I numeri del mese di luglio parlano chiaro: si registra un netto aumento del numero dei decessi Covid rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Inevitabile riflettere a questo punto sul fatto che il confronto non viene fatto a parità di condizioni, tutt'altro.

Un anno fa la campagna vaccinale, presentata dall'informazione mainstream come la soluzione per uscire dalla pandemia, ma soprattutto come unica e sola strada percorribile, non era neppure stata avviata. Lo sarebbe stata circa 6 mesi dopo, il 27 dicembre 2020, in tempo per arrivare a quasi il 50% della popolazione vaccinata all'inizio di luglio 2021.

Sempre un anno fa, con la fine del lockdownd di due mesi intorno a metà maggio, l'intero territorio nazionale si trovava pressoché totalmente senza restrizioni (oltre che senza vaccini). L'obbligo di indossare la mascherina era stato introdotto solo per i luoghi chiusi aperti al pubblico, e solo a metà agosto è stato imposto anche negli spazi aperti dopo le 18. Le discoteche erano aperte, la chiusura scattava ad agosto.

Risultato? Un anno fa nel mese di luglio si registravano in tutto 362 decessi, contro i 465 registrati nei primi 29 giorni di luglio 2021. 101 decessi Covid in più al netto di maggiori restrizioni, e della diffusione del vaccino, e restano da aggiungere al totale del mese in corso quelli che purtroppo ci troveremo a contare in questi ultimi due giorni del mese.

Quanto al numero dei contagi, come viene evidenziato anche in un articolo del Il Tempo "era molto più contenuto: qualche centinaio di casi al giorno, con il virus che in molte zone del Sud Italia era quasi inesistente".

Naturalmente il fatto che nel mese di luglio 2021 sia i contagi che i decessi Covid siano in aumento invece che in diminuzione rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso non dimostra che vaccini e restrizioni non funzionano né tantomeno che influiscano negativamente su questi dati. Di certo però questi numeri rendono notevolmente più arduo il compito di chi vorrebbe indicare vaccini e misure restrittive anti-contagio come la strada giusta da seguire.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

BDSWISS