Inflazione in discesa ma i tassi di interesse restano alti. Ecco cosa sta succedendo e perché

Aggiornamento del
Perché i tassi di interesse restano alti nonostante l'inflazione sia in discesa? - BorsaInside.com

L’economia italiana sta attraversando un periodo di incertezza nel quarto trimestre, con segnali contrastanti che emergono nonostante il recente calo dell’inflazione. In questo contesto, l’Italia, insieme al resto d’Europa, si trova ad affrontare sfide significative legate a tassi di interesse elevati, accesso limitato al credito e difficoltà persistenti nei settori dei servizi e dell’industria.

Nonostante l’inflazione in ribasso i tassi di interesse restano alti

Nonostante una riduzione dell’inflazione a ottobre, scesa al 1,7% annuo rispetto al picco del 5,3% di settembre, i tassi di interesse rimangono ostinatamente alti. La Federal Reserve e la Banca Centrale Europea hanno mantenuto invariati i tassi, segnalando un clima di incertezza sulle prospettive future. Questo scenario continua a esercitare un impatto negativo sul canale del credito, compromettendo consumi e investimenti.

Il settore delle imprese italiane si trova in una situazione critica, con il costo del credito che ha raggiunto il 5,35% a settembre, registrando un significativo aumento. Parallelamente, si osserva un preoccupante calo del 6,7% nei prestiti annuali, sottolineando le crescenti difficoltà delle imprese nell’ottenere risorse finanziarie vitali.

Questa sfida è amplificata dalla persistente riduzione della domanda di credito, alimentata principalmente da tassi di interesse proibitivi e criteri di concessione del credito sempre più restrittivi.

L’effetto combinato di questi fattori sta mettendo a dura prova la resilienza finanziaria delle imprese, negandogli l’accesso essenziale al capitale necessario per sostenere le attività quotidiane e perseguire opportunità di crescita.

Nonostante alcuni segnali di possibile stabilizzazione, la persistenza dei prestiti in sofferenza rappresenta un ulteriore elemento di preoccupazione. Con un totale che si attesta a 19,3 miliardi, questi prestiti problematici mettono in evidenza le sfide strutturali del sistema finanziario, indicando che la situazione potrebbe richiedere soluzioni a lungo termine e un approccio strategico per ristabilire una sana circolazione del credito nell’economia.

Leggi anche: Tassi più bassi tra 12 mesi: prepara già ora la lista degli acquisti

Servizi in declino e industria in affanno

Il settore dei servizi sta vivendo una contrazione, evidenziata dalla diminuzione della spesa turistica straniera a settembre. Allo stesso modo, il PMI del settore manifatturiero indica una contrazione a ottobre (scendendo a 47,7 da 49,9), segnalando una debolezza persistente nell’industria. Pur registrando una variazione appena positiva nel terzo trimestre (+0,2%), la produzione industriale rimane debole dopo quattro trimestri negativi.

Gli investimenti continuano a subire una flessione nel quarto trimestre, con un marcato rallentamento nella spesa per beni di capitale secondo l’indagine della Banca d’Italia. I consumi, già in affanno nel secondo trimestre, sembrano stagnare ulteriormente, evidenziati dalla diminuzione delle vendite al dettaglio del 1,3% in volume nel terzo trimestre.

Bene le esportazioni, ma le prospettive future restano incerte

Nonostante un modesto aumento nell’export italiano nel terzo trimestre, le prospettive per il quarto trimestre si presentano negative. Gli ordini manifatturieri esteri in ottobre suggeriscono crescenti tensioni geopolitiche e una debole domanda estera. Allo stesso modo, il commercio mondiale mostra segni di indebolimento, con il PMI globale sugli ordini in zona di restrizione (47,5) a ottobre.

L’economia italiana si trova di fronte a sfide complesse, caratterizzate da una disconnessione tra un’inflazione in diminuzione e tassi di interesse persistentemente elevati. La fragilità nei settori dei servizi e dell’industria, insieme alla contrazione degli investimenti e ai consumi fermi, delineano un quadro economico critico. Siamo consapevoli di queste sfide e intendiamo esplorare approcci strategici per affrontarle e promuovere la ripresa economica.

Leggi anche: Investire in obbligazioni con rendimenti e tassi ai massimi: effetti e consigli

Rimani aggiornato con le ultime novità su investimenti e trading!

Telegram
Regolamentazione Trading