L’Unione Europea verso la revisione delle norme di bilancio. L’accordo arriverà entro il 2023

Le norme di bilancio dell’Unione Europea sulla base delle quali si stabilisce quanto ciascun Paese membro può spendere nei vari ambiti dalla salute all’istruzione, dalle infrastrutture alle pensioni, saranno riviste nelle prossime settimane.

La Commissione Ue infatti nel giro di qualche settimana rilancerà una revisione di queste norme per poi arrivare entro la fine del 2023 ad una riforma strutturale.

L’annuncio è stato fatto proprio in questi giorni dalla presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen. Si tratta di una questione di primissima importanza in quanto, lo ricordiamo, queste norme di bilancio di fatto regolano (limitandolo) l’indebitamento dei singoli Stati con il dichiarato fine di sostenere il valore dell’Euro.

Queste norme sono state sospese a partire dall’inizio del 2020 con l’emergenza Covid, in modo tale da permettere ai singoli Stati di varare misure a sostegno dei cittadini più danneggiati dalle misure restrittive imposte dagli stessi governi nazionali.

Allo stato attuale, indipendentemente dal livello di controllo raggiunto sulla diffusione del Coronavirus, ci sono almeno due sfide all’orizzonte. Da una parte abbiamo la crisi economica con il debito pubblico dei singoli Stati ormai alle stelle non solo per via delle spese sostenute per gli aiuti ma anche per il drastico calo del Pil.

In sintesi si parla quindi dell’enorme costo delle scelte politiche operate dalla maggior parte degli Stati europei i quali hanno deciso di gestire la diffusione del virus attraverso lockdown e misure restrittive delle libertà individuali.

La seconda sfida riguarda invece la questione del cambiamento climatico, e quindi la necessità di spingere l’economia sempre più su un binario green. A tal proposito la presidente della Commissione Ue ha fatto sapere che dall’Europa arriverà tutto il sostegno finanziario necessario ai Paesi più poveri per combattere il cambiamento climatico, e a tal fine propone lo stanziamento di 4 miliardi di euro fino al 2027.

Sfide queste che richiedono dei cambiamenti nella regolamentazione europea, come la stessa von der Leyen ha confermato.

“La Commissione rilancerà la discussione sulla revisione della governance economica nelle prossime settimane” ha detto la presidente della Commissione Ue nel suo discorso al Parlamento europeo “l’obiettivo è creare un consenso ben prima del 2023”.

Tra i punti toccati dalla von der Leyen anche quello della campagna di vaccinazione di massa che deve, a suo dire, subire una accelerata in tutti i Paesi dell’Ue.

Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
Capex.com
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Piattaforma di proprietà e MetaTrader 5
Licenza: CySEC
Strumenti Intregrati
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Politica

Inizia a fare trade con Avatrade X

Avviso di rischio - Il 67-77% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.