Aziende crittografiche colpite dalla politica fiscale del Giappone e spinte a migrare in altri paesi

Aggiornamento del

Le società di criptovaluta si appellano alle agenzie governative giapponesi affinché modifichino le politiche fiscali che non favoriscono il loro settore. Al contrario, queste aziende percepiscono le loro richieste come negate a causa di recenti mandati governativi.

L’organo decisionale ha approvato il piano fiscale 2022 per l’anno fiscale successivo che classifica le quotazioni dei token come imponibili. Le società che emettono token pagano le imposte come previsto dalla legge, anche se i token non vengono venduti finché il mercato attivo li quota.

Inoltre, i progetti devono pagare le tasse se quotano alcuni dei loro token sugli scambi e conservano gli altri nella loro tesoreria ogni volta che il valore di mercato aumenta.

Le startup in fase iniziale con fondi insufficienti per pagare le tasse devono vendere più token ai mercati pubblici. Quando ciò accade va inevitabilmente a influire sul prezzo dei token e sullo slancio e sullo stato di salute generale del progetto.

CoinDesk riporta una stima del 35% dell’aliquota fiscale dell’emittente del token nella sua intervista con Kenji Yanagisawa, un contabile fiscale certificato.

Le tasse sono imposte sia all’emittente che al destinatario se l’emittente di un token fa un airdrop di un token.

Inoltre, secondo Yanagisawa, non ci saranno modifiche all’attuale regime fiscale per almeno un altro anno ancora.

La fuga dei cervelli

immagine1

L’ultima mossa del Giappone in materia di politica fiscale ha spinto i fondatori di progetti di criptovaluta a chiudere le loro aziende nel paese nipponico e a trasferirsi in nazioni offshore favorevoli alle criptovalute.

Mai Fujimoto, il fondatore della società di Blockchain e criptovalute, ha confermato la notizia che vede otto progetti con sede in Giappone migrare in altri Paesi.

Sota Watanabe, fondatore dell’hub di applicazioni decentralizzate multi-catena (dapp) Astar Network, ha dichiarato che la sua azienda è una di quelle che hanno seguito questa tendenza. Ha spiegato che la confusione delle normative e le tasse elevate hanno influenzato il suo trasferimento dal Giappone.

La legge prevede la tassazione delle imposte fintanto che il mercato attivo è presente in questa lista. Tuttavia, la politica giapponese non ha definito in maniera chiara cosa è un mercato attivo.

È indubbio che la quotazione dei token sulle principali borse di criptovalute come Binance sia considerata un mercato attivo. Tuttavia, non è chiaro se la quotazione su borse a basso volume di scambi sia anch’essa inclusa.

Un mercato attivo implica la quotazione su una borsa di prim’ordine come Binance. Tuttavia, non è chiaro se la quotazione su una borsa a basso volume di scambi o su una borsa decentralizzata possa essere considerata tale.

Lo studio sulla finanza decentralizzata (DeFi) è stato lanciato dal presidente Kideki Kanda, giurista e professore di diritto della Gakushuin University, in un comunicato stampa dell’Agenzia giapponese per i servizi finanziari (FSA). Lo studio è composto per lo più da giuristi, ad eccezione di un dirigente della Sony e del chief technology officer di LayerX.

Watanabe ha speso circa 200.000 euro in spese legali e contabili quando ha creato la sua società a Singapore nell’ottobre 2020 e ha poi smantellato la sua impresa giapponese nel 2021.

Inoltre, Watanabe ha lanciato un programma per assistere le imprese giapponesi di criptovaluta nella loro migrazione a Singapore.

L’emissione di token a Singapore fa parte del suo piano, così come la fornitura di feedback al governo giapponese sulla sfida di elaborare progetti Web 3 con token nativi giapponesi che includono numeri concreti sui titolari di token e sulle valutazioni.

Inoltre, la mancanza di politiche di supporto per l’industria blockchain nazionale è una delle ragioni per cui alcune aziende legate alla crittografia hanno lasciato il Giappone.

L’amministratore delegato di Ryodan Systems AG, Leona Hioki, ha espresso l’opinione che il Giappone potrebbe pianificare la crescita dell’industria delle criptovalute come la Cina ha fatto con l’industria di Internet.

L’andamento degli eventi in Giappone ha dimostrato che le sue aspettative erano sbagliate. Ha portato la sua azienda in Svizzera perché il Paese non è né il polo opposto nell’attuazione delle politiche fiscali sulle criptovalute. Ad esempio, le imprese di Zugo possono utilizzare i bitcoin per pagare le tasse.

Deflusso di mercato

immagine2

Le leggi attuali classificano i proventi delle criptovalute come redditi diversi. Il reddito individuale determina le aliquote fiscali sui proventi delle criptovalute, ma le aliquote possono raggiungere il 55% per alcuni percettori.

D’altra parte, l’aliquota d’imposta sulle plusvalenze azionarie può raggiungere il 20% per le persone fisiche. Genki Oda di BITPoint, società di scambio di criptovalute, ha dichiarato che la normativa fiscale giapponese presenta degli errori.

I politici giapponesi hanno modificato la legge fiscale sulle criptovalute in modo simile a quella delle azioni, e si stima che tra gli 88 e i 175 miliardi di dollari saranno trasferiti ai mercati giapponesi delle criptovalute. Gli scambi di criptovalute e l’intero mercato meritano di essere conosciuti.

Il governo e i fondatori hanno negoziato in termini di criptovalute. Il Consiglio per la promozione di un web affidabile, che fa capo al Segretariato di Gabinetto del Giappone, sta spingendo per l’innovazione. Tuttavia, la FSA e le altre autorità finanziarie sono molto conservatrici a causa degli attacchi e degli hackeraggi online delle borse giapponesi. Watanabe è un membro del primo gruppo citato.

Watanabe ha emesso un token non quotato in Giappone. Nonostante non fosse su un mercato attivo, la FSA ha inviato due lettere per chiedere spiegazioni sul funzionamento.

Ha inoltre ribadito che il Giappone ha perso la sua posizione dominante nei settori delle automobili, della telefonia mobile e d’Internet a favore degli Stati Uniti, nonché degli elettrodomestici a favore della Corea del Sud e della Cina.

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Rimani aggiornato con le ultime novità su investimenti e trading!

Telegram

Migliori Piattaforme di Trading

Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
* Avviso di rischio
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.

Regolamentazione Trading
Non perdere le nostre notizie! Vuoi essere avvisat* quando pubblichiamo un nuovo articolo? No Sì, certo