grafica dell'exchange per Binance Pool

Il primo exchange di criptovalute per volumi di scambio ha deciso di aprire un pool di prestiti per andare incontro ai miners di Bitcoin. L’aumento dei costi dell’energia, i bassi prezzi di Bitcoin (BTC) e le elevate difficoltà legate al processo di mining, hanno indotto i miners a rivolgersi sempre più a istituti di credito per restare a galla.

Binance ha quindi deciso di aprire un pool di prestito del valore di 500 milioni di dollari proprio per i miners di Bitcoin (BTC). La società ha fatto sapere che il progetto Binance Pool nasce per fornire “servizi di finanziamento del debito sicuri sia a società pubbliche che private che operano nel mining di Bitcoin (BTC) e come infrastrutture di asset digitali a livello globale”.

I mutuatari accederanno a prestiti con una durata da 18 a 24 mesi, con tassi di interesse che vanno dal 5 al 10%. Chi accede ai prestiti deve offrire garanzie sotto forma di hardware per mining o criptovalute che dovranno essere ritenuti “soddisfacenti” per Binance.

Un brutto periodo per il mining di Bitcoin

Binance Pool mining

La mossa di Binance si colloca in un contesto in cui i miners stanno affrontando grosse difficoltà nell’ambito della propria attività finanziaria, avendo visto ridursi drasticamente i profitti derivanti dal mining.

Nel solo mese di settembre, Compute North ha dichiarato bancarotta, Iris Energy ha venduto 100 milioni di dollari di azioni per generare entrate, Compass Mining ha chiuso le sue attività in Georgia, e infine uno dei più importanti pool di mining di Bitcoin, Poolin, ha bloccato i prelievi.

Anche il livello di difficoltà di mining ha raggiunto il suo massimo storico, e questo non fa che peggiorare ulteriormente la situazione. Questo vuol dire infatti che i miners hanno bisogno di risorse ancora maggiori per riuscire a realizzare degli utili,

Il livello di difficoltà è cresciuto del +14% raggiungendo il massimo storico di 35,6 trilioni, il che significa per i miners un lavoro molto più impegnativo anche in termini di energia necessaria.

Poi c’è il problema dell’aumento dei costi energetici, che naturalmente ha ridotto in modo significativo gli utili derivanti dall’attività di mining di Bitcoin. Ricordiamo a tal proposito che la prima crypto per capitalizzazione di mercato si basa ancora su un meccanismo di consenso basato su proof of work (PoW), che ha per definizione un elevato costo energetico.

A tal proposito non si può non notare che proprio in questo momento critico dal punto di vista energetico, Ethereum (ETH) ha completato attraverso il Merge il passaggio dalla PoW alla PoS, compiendo quella che sembra essere stata una saggia decisione.

Infine c’è la questione delle basse quotazioni di Bitcoin (BTC), che penalizzano ulteriormente l’attività di mining. I ricavi derivanti dal mining risultano infatti ridotti del -60% partendo dall’inizio dell’anno stando ai dati pubblicati da Blockchain.com.

Ed ecco che i miners si trovano sempre più nelle condizioni di doversi rivolgere a linee di credito per poter restare a galla e riuscire a superare questo momento critico, vale a dire l’inverno delle criptovalute.

Binance non è l’unica compagnia che ha aperto una lending Pool

Ma dal momento che le attività di mining di Bitcoin sono fortemente penalizzate in questa fase, Binance non è l’unica compagnia ad aver deciso di andare incontro ai miners con linee di credito ad hoc.

All’inizio di ottobre anche Maple Finance ha annunciato una linea di credito, in questo caso da 300 milioni di dollari, destinata proprio ai miners di Bitcoin (BTC) in difficoltà, anche se in questo caso i tassi di interesse possono arrivare fino al 20%.

Il co-fondatore e CEO di Maple Finance, Sidney Powell, ha dichiarato a Decrypt al Messari Mainnet 2022, che i miners non hanno molta scelta quando cercano un prestito, e questo per via del fatto che le banche tradizionali sono sempre state restie a fare affari con chi opera nel mercato delle criptovalute.

Se vuoi acquistare le tue prime criptovalute, il modo più semplice e sicuro anche per un principiante è attraverso exchange come Binance. Clicca qui per visitare il sito e scoprire come fare per iniziare.

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Migliori Piattaforme di Trading

Broker del mese
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
Broker del mese
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
SCOPRI DI PIÙ Fineco recensioni » * Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.