Fintech, 2018 anno d’oro per gli investimenti nel settore

fintech

Il 2018 è stato un anno record per gli investimenti nel settore fintech: numeri di rilievo nel comparto.

CONDIVIDI

Il 2018 può ben passare alla storia come un anno da record per gli investimenti FinTech. Stando a quanto ci suggeriscono gli ultimi dati dell’Osservatorio FinTech 2019, infatti, le cifre in contesto sfiorano i 40 miliardi di dollari, con ottime prospettive per uno sviluppo di breve termine.

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

I risultati, esaminati da PwC e NetConsulting Cube, hanno in particolar modo evidenziato una crescita esponenziale degli investimenti rispetto l’anno precedente (+ 120%) a livello mondiale.

Le migliori performance territoriali

Per quanto attiene i Paesi che si sono caratterizzati per prestazioni di rilievo in termini di innovazione e tecnologie AI in uso nell’ambito finanziario, sicuramente un cenno di rilievo è dato dagli Stati Uniti, unitamente a quanto hanno però fatto alcuni giganti asiatici come la Cina. E l’Europa? In tale scenario, anche se più lentamente rispetto ad altri Paesi, il vecchio Continente sta continuando la sua crescita sostenuta, con un passaggio dal 10% al 15% di investimenti.

Purtroppo, la performance positiva europea cela in parte quanto sta avvenendo in Italia, con il nostro Paese ancora in ritardo rispetto alle quote di investimenti mondiali. È pur vero che – per poter osservare la parte mezzo piena del bicchiere - tra il 2017 e il 2018 il trend italiano è in forte crescita, con aumentata affermazione anche a livello internazionale.

Gli operatori nascenti

Sempre secondo la ricerca, i nuovi operatori che sono nati in questo contesto, possono essere raggruppati in due marco-aree: da una parte le aziende Financial Pure, ovvero quelle che si occupano del Payment, Money Management, Lending, Wealth & Asset Management, Capital Market & Trading e Crowdfunding; dall’altra parte le aziende che invece operano al di fuori della catena di valore bancaria ma sono comunque parte integrante nel mercato, come quelle dei settori InsurTech, RegTech, Tech Enabler e Cybersecurity.

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Trader Indipendente. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro